Il principe Harry è sempre stato la “pecora nera” della famiglia reale britannica, soprattutto se messo in relazione con il fratello William, di natura decisamente più mansueta.

A parlare di Harry, questa volta, è Darren McGrady, un ex chef della famiglia reale a Buckingham Palace, dove ha lavorato per 15 anni servendo la regina, il principe William, Diana e i due piccoli principi William e Harry.

Lo chef era affiancato da alcune tate che avevano il compito di programmare il pasto dei piccoli futuri eredi, a base di piatti gustosi ma soprattutto sani.

Il principe Harry e suo fratello William erano ovviamente costretti a seguire la “dieta” reale ma qualche volta avevano la possibilità di boicottarla per andare nel loro fast food preferito insieme alla mamma Diana, lo “Sticky Fingers“, dove il principe Harry era solito mangiare la pizza.

Un giorno lo chef trovò un biglietto firmato da Jess, una delle tate, in cui vi era scritto “Darren, per favore, dai la pizza ai ragazzi“; il biglietto era scritto in una curiosa calligrafia infantile. Un’altra volta il piccolo Harry era sgattaiolato in cucina per vedere cosa stesse preparando lo chef e per poco non si rovesciò una pentola di acqua bollente in testa.

L’ex chef lo ha definito “il cattivello con un grande sorriso“. Quel sorriso ha conquistato il cuore della gente subito, quand’era bambino.