Esistono molte persone che trattano i propri animali domestici come veri e propri figli da accudire e sostenere.

In realtà esistono 3 diversi gruppi di persone:

1) Coloro che amano sinceramente i loro animali domestici e li considerano come parte integrante del nucleo famigliare.

2) Quelli che si prendono cura di loro e non gli fanno mancare niente ma considerano gli animali domestici più come guardiani della casa e della loro vita.

3) Quelli che invece non amano gli animali domestici e li tratta con indifferenza.

Il Dipartimento di Scienze Animali e Biotecnologie dell’Università di Azabu in Giappone, afferma che il cervello, nel momento in cui libera l’oxitocina (l’ormone dell’amore che si attiva in presenza di una relazione sociale affettiva) non differenzia il destinatario con cui interagisce.

Il fatto poi di vederlo come un essere indifeso porta ad associare le emozioni che ci fanno provare i bambini anche con loro.

Il rapporto con un animale domestico è quindi molto forte al pari di quello di una madre con il proprio figlio e chi ha o ha avuto un animale domestico sa bene di cosa si parla.