dimagrire camminando regole

Dimagrire camminando è possibile, ma solo seguendo alcune semplici regole

Dietologi, nutrizionisti e medici in generali ci suggeriscono sempre di fare un minimo di attività fisica, anche leggera. Il minimo richiesto sarebbe una passeggiata di almeno 60′ ogni tre o quattro volte a settimana, con una passeggiata.

In questo modo il nostro corpo si manterrà ben allenato e riusciremo anche a bruciare grassi e di conseguenza a dimagrire. Ma il solo camminare non basta. Bisogna seguire infatti anche alcune regole. Tra queste l’evitare tassativamente di fare passi lunghi.

Questo perché poi potrebbero esserci ripercussioni negative per la schiena. In una passeggiata ci vuole una postura normale, con schiena dritta e testa mai abbassata, addominali lievemente sotto sforzo e braccia a 90°. Poi occorre tenere una andatura costante, né troppo veloce, né troppo lenta.

Se avete qualche dispositivo che ve lo consente, utilizzatelo per controllare il battito cardiaco: la percentuale richiesta per smaltire i grassi è compresa tra il 60 ed il 70%. Fate riscaldamento sia prima di iniziare che dopo aver finito: questo preserverà il fisico da eventuali infortuni o noiosi contrattempi.

Cercate poi di scegliere un percorso variabile, non al 100% pianeggiante. Prediligete qualche pendenza e delle rampe di scale. Naturalmente scegliete l’abbigliamento adatto, anche in base alla stagione di riferimento.

E poi non vedete tutto questo come uno sforzo ma come un piacevole modo di staccare dalla quotidianità, dal lavoro, dagli schermi, dai vari dispositivi elettronici. Scegliete un bello spazio aperto nel verde, se potete, e farete tutto questo con maggiore voglia.