Si è sempre a caccia della dieta ideale per il proprio corpo e metabolismo, che possa aiutare a perdere peso con il minore sforzo possibile.

La dieta del digiuno intermittente potrebbe fare al caso di chi, coadiuvato da una vita regolare e attività fisica, voglia dire addio a quella fastidiosa pancetta. Con cinque giorni di digiuno nell’arco di 3-6 mesi, sarà possibile ridurre del 34% o del 54% il tasso calorico.

Quando si opera il digiuno intermittente il nostro organismo subisce uno stress biologico, per poi riattivare le difese cellulari. Secondo altri studiosi invece il corpo tende a ripulirsi, eliminando le scorie al suo interno. Secondo Valter Longo il digiuno consente al metabolismo di restare costantemente attivo, riducendo il marcatore della crescita.

Un tipo di dieta che potrebbe garantirci anche svariati anni in più di vita, secondo Mark Mattson del National Institute on Aging-Neuroscience. La soluzione ideale sarebbe quella di optare per una dieta vegetariana, con l’aggiunta di pesce 2-3 volte la settimana.

Zuccheri e grassi animali dovranno però essere del tutto eliminati, optando per le proteine fornite dai legumi e i carboidrati di carote, broccoli e pomodori. Si dovranno consumare poi quantità limitate di mandorle, noci, nocciole e olio d’oliva, restando però in semi digiuno per 3 giorni ogni sei mesi.