Incredibile quanto accaduto in Francia, dove un ufficiale giudiziario ha ricevuto ordine di aprire un appartamento chiuso da ben 68 anni e si è ritrovato di fronte ad un luogo in cui il tempo si era letteralmente fermato. E’ successo a Parigi e l’appartamento in questione apparteneva ad una donna morta nel 2010 a 91 anni ma vissuta al suo interno sino al 1942, quando per via dell’occupazione nazista fu costretta a scappare nel sud del paese. Rimasta chiusa per circa 68 anni, l’abitazione è rimasta tale e quale a come era stata lasciata il giorno della fuga: una sorta di capsula del tempo, un incredibile viaggio nella Parigi di quasi 70 anni fa, come ha spiegato lo stesso uomo raccontando il momento in cui ne ha varcato la soglia: “C’era un odore di vecchio e di polvere, camminavamo sotto alti soffitti in legno; andando in cucina notammo un antico forno a legna ed un lavandino in pietra, uno struzzo impagliato ed un pupazzo di Mickey Mouse di prima della guerra, un comò stupendo sul quale c’erano ancora oggetti per la cura personale e spazzole.”