Estate è anche sinonimo di frutta fresca. Da sola, accompagnata da gelato o yogurt, sotto forma di macedonia o di centrifugato poco importa, la frutta è sempre uno dei migliori – e salutari – aiuti contro il grande caldo. La regina dell’estate è senza dubbio l’anguria, un frutto che assieme al melone non può mai mancare sulle tavole degli italiani durante la bella stagione. Attenzione però, perchè il largo consumo di angurie ha spinto alcuni produttori ad “imbrogliare” per velocizzarne la crescita e di conseguenza aumentare la produzione. Per farlo vengono utilizzate delle sostanze nocive che rimangono all’interno del frutto e a lungo andare possono essere causa di tumori o di malattie neurologiche gravi. Per fortuna però, esiste un semplice metodo per capire se è il caso di consumare l’anguria che avete comprato: se appena aperta notate una o più crepe al suo interno, allora l’anguria è stata trattata con sostanze nocive ed è meglio non consumarla. Fate attenzione soprattutto alla provenienza del frutto: in paesi come la Cina infatti le sostanze sopra citate non sono ancora state vietate.