La Commissione Europea ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale la domanda di registrazione la pasta Amatriciana come specialità nazionale.

"Amatriciana nazionale" verso il riconoscimento della Commissione Europea

“Amatriciana nazionale” verso il riconoscimento della Commissione Europea

Se verrà approvato il marchio, non ci saranno rischi di imitazioni non corrette per quanto riguarda la pasta alla Amatriciana, se la commissione europea darà ok come specialità nazionale.

E’ stato pubblicato anche un decalogo di regole che andranno seguite per fare un ottimo piatto di pasta.

La pasta Amatriciana

La pasta è legata ad una determinata preparazione da seguire e da alcuni ingredienti da utilizzare che vengono direttamente dai monti della Laga, da dove nasce il piatto di pasta Amatriciana.

Questo tipo di alimento è diventato un simbolo dopo il forte terremoto che è avvenuto in quelle zone del centro Italia, e sta seguendo anche l‘iter per diventare un piatto con il riconoscimento dell’Unione Europea.

Se il “marchio” verrà approvato dalla Commisione Europea, non ci potranno essere alcun tipo di imitazione di un piatto storico dell’italia centrale.

LEGGI ANCHE —-> LUDOVICA VALLI, ECCO LA DOCCIA SENZA VELI CHE HA SCATENATO IL WEB-FOTO

LEGGI ANCHE —-> ALLARME BIRRA RITIRATA DAL MERCATO, LATTINE A RISCHIO ESPLOSIONE

Nella Gazzetta Ufficiale possiamo anche leggere gli ingredienti e la percentuale che si deve utilizzare per fare un piatto di pasta alla Amatriciana.

Si deve utilizzare tra il 18 ed il 30 percento di guanciale di tipo Amatriciano, Pecorino sempre Amatriciano o Pecorino Romano Dop con provenienza Laziale.

La percentuale di passata di pomodoro o di pelati in pezzi deve essere compresa tra il 68 e l’81 percento, non possono mancare olio extra vergine d’oliva, vino per sfumare, sale, peperoncini  e pepe.

LEGGI ANCHE —-> ANNA TATANGELO E IL SUO PERFETTO LATO B NEL CORSO DEL WORKOUT (FOTO E VIDEO)

LEGGI ANCHE —-> “FEMMINA SUBLIME” IL COMMENTO DI MASSIMO BOLDI A VANESSA INCONTRADA

Viene fatto assoluto divieto di utilizzare pancetta, cipolla ed aglio, che spesso vengono utilizzati per fare di sughi di pomodoro.

A partire dalla pubblicazione ci sono 3 mesi di tempo per chi volesse richiedere delle modifica o fare delle obiezioni.

Passato questo tempo, se nessuno avrà fatto obiezioni in merito la pasta alla Amatriciana verrà inscritta nel  Registro europeo delle Denominazioni d’origine e Indicazioni geografiche (Dop-Igp) e Specialità tradizionali garantite (Stg).

"Amatriciana nazionale" verso il riconoscimento della Commissione Europea

“Amatriciana nazionale”