E’ scattato l’allarme “processionaria”, ecco cosa può provocare al nostro corpo questo insetto apparentemente innocuo.

Con l’avvicendarsi della primavera torna come ogni anno il pericolo della Processionaria, un bruco altamente pericoloso per i bambini e per gli animali.

Ecco come riconoscere questo bruco già nella fase larvale:

Tutti gli animali, anche l’uomo, che vengono a contatto con i suoi peli urticanti sono a rischio di sviluppare molteplici sintomi.

L’insetto è davvero altamente distruttivo per le piante in quanto distrugge completamente le foglie, la sua pericolosità è reale solo nello stato larvale, fase in cui si presenta come una larva lunga circa 1 o 3 centimetri, con tantissimi peli urticanti sia per l’uomo che per gli animali, Da adulta la processionaria si trasforma nella classica farfalla triangolare

I casi più grvi si hanno se i peli riescono a venire a contatto con l’occhio, con le mucose, con la bocca o quando entrano nelle vie respiratorie e digestive.

Tra gli animali quelli più a rischio sono i cani.

Quali sono i sintomi?

– salivazione abbondante
– dolore
– anoressia
– vomito emorragico
– diarrea emorragica
– infiammazione di bocca, esofago e stomaco
– edema della glottide- febbre
– necrosi della lingua e della mucosa

Cosa bisogna fare?

la primissima cosa da fare e cercare di allontanare tutti i peli urticanti, tramite dei lavaggi con acqua.  Utilizzando dei guanti, non toccate mai i peli. Dopo questo bisogna contattare subito il veterinario più vicino per raccontare l’accaduto affinché il medico possa apportare la terapia di sostegno più adeguata.

In commercio esisto molti insetticidi che potranno aiutarvi a prevenire queste problematiche