Una comunicazione importante perché è ignaro di ciò che compra al supermercato. In molti infatti non sanno che l’aglio che si trova in questi negozi potrebbe provenire dalla Cina. Una parte di quello prodotto in questo Paese è tossico. Il modo di coltivarlo è estremamente problematico, infatti vengono utilizzati pesticidi per stimolare i prodotti. Per riconoscere l’aglio tossico coltivato in Cina si deve tenere conto di alcune caratteristiche particolari. Prima di tutto il sapore, infatti l’aglio coltivato nel rispetto della propria salute è più saporito rispetto a quello prodotto in Cina. Se la radice e il gambo non sono stati tolti, l’alimento potrebbe essere buono. Gli agricoltori cinesi tolgono le radici e i gambi per ridurre il peso e risparmiare denaro sulla spedizione. L’aglio della Cina è più leggero e meno bulboso. Insomma il consiglio è di comprarlo dagli agricoltori locali di fiducia per non rischiare di trovarsi con un prodotto pericoloso per la propria salute