E’ notizia di questi giorni, che il governo cubano, sta autoproducendo il vaccino anticovid, il quale è giunto ormai alla fase 3 della sperimentazione, con 150 mila dosi da inoculare  ai volontari.

 

Il vaccino, che si chiama Soberana 02, una volta approvato sarà offerto gratuitamente ai residenti dell’isola, con la possibilità di offrirlo anche ai turisti che si recheranno in vacanza nell’isola.

LEGGI ANCHE–>Covid, Lazio: via alla vaccinazione degli over 80

Il direttore dell’istituto, che si sta occupando della sperimentazione del vaccino, Vicente Vèrez, conferma che il vaccino è sicuro, e che ha dimostrato un un elevato potere di immunizzazione; “Induce una memoria immunitaria di lunga durata, che, oltre a produrre anticorpi, fa in modo che questi siano durevoli”.

Cuba produce il suo vaccino, Soberana 2, entrato nella terza fase della sperimentazione.Dalla primavera prossima verrà inoculato ai residenti e anche ai turisti.

Lo stesso direttore ha anche dichiarato al giornale locale Las Noticias, che L’istituto Finlay, non è una multinazionale che considera una priorità il profitto finanziario, il loro obbiettivo è creare salute.

La produzione del vaccino, una volta superata la fase 3 della sperimentazione, inizierà ad Aprile, contando di arrivare a produrne 100 milioni di dosi, le quali, una volta assicurata l’immunità di gregge sull’isola, si potrà pensare ad esportarle.

LEGGI ANCHE–>Vaccino anti-Covid, il primo bilancio delle reazioni avverse

Oltre al Soberana 2, l’istituto cubano sta sperimentando anche altri due vaccini, Abdala, Mambisa, e Soberano 1.

In questo periodo storico, i viaggiatori che arrivano a Cuba da altri paesi sono obbligati a rispettare un periodo di quarantena, in attesa dei risultati dei test effettuati in aeroporto.

I viaggiatori vengono portati in un centro d’isolamento fino alla risposta dei test.C’e da dire che le aspettative sul vaccino cubano sono molto alte, poichè il paese ha una lunga tradizione nella ricerca scientifica.

La ricerca sui quattro vaccini cubani, è stata finanziata esclusivamente dallo stato, anche se l’isola vive sotto embargo da tantissimi anni, ma nonostante questo limite è arrivata comunque alla sperimentazione di ben quattro vaccini.

 

Sicuramente, la notizia che il vaccino sarà offerto gratuitamente anche ai turisti, potrebbe essere un trampolino di lancio per ridare vita al turismo cubano, che, come in altri posti turistici, ha risentito notevolmente della pandemia.