Roman Lopez, bambino di 11 anni di Placerville, sarebbe stato avvelenato dalla sua matrigna, Lindsey Piper: trovato in un bidone nel seminterrato della casa

Bambino avvelenato matrigna bidone
(foto dal web)

A oltre un anno dopo la morte di Roman Lopez, ragazzino di 11 anni di Placerville, suo padre e la sua matrigna sono stati arrestati con molteplici accuse legate alla sua morte. L’arresto di Jordan Piper, 36 anni, e Lindsey Piper, 38 anni, è avvenuto giovedì scorso. Il dipartimento di polizia di Placerville e l’ufficio del procuratore distrettuale della contea di El Dorado hanno successivamente reso noto che i due erano stati arrestati nell’ambito dell’inchiesta sulla morte dell’11enne. Ancora non è noto quando la coppia dovrà apparire in tribunale.

Il capo della polizia di Placerville, Joseph Wren, ha commentato. “Questo è un crimine orribile che ha scioccato la comunità“. Stando a un comunicato stampa del dipartimento di polizia, Roman viveva con suo padre biologico, Jordan, in un’abitazione di Coloma Street, a Placerville, al momento del suo decesso, nel gennaio 2020. Jordan, Lindsey e altri sette bambini, di età compresa tra un anno e 17 anni, che ora sono stati affidati ai servizi sociali, vivevano nella casa insieme a Roman.

LEGGI ANCHE —> Rovigo, 17enne uccide il padre con un machete

LEGGI ANCHE —> Ancona, rissa in autobus: 4 ragazze e un ragazzo al pronto soccorso

Bambino di 11 anni avvelenato dalla matrigna: era gravemente malnutrito e disidratato

Bambino avvelenato matrigna bidone
(foto dal web)

Roman è morto l’11 gennaio 2020. La polizia riferisce che il corpo di Roman è stato trovato all’interno di un bidone nel seminterrato della casa. L’autopsia non ha rivelato segni evidenti di traumi, ma la polizia sostiene che Roman fosse gravemente malnutrito e disidratato al momento della sua morte.

La matrigna è accusata di aver avvelenato l’acqua che il bambino ha bevuto. Giovedì scorso, a più di un anno dal ritrovamento del corpo di Roman, Jordan e Lindsey, sono stati arrestati. La coppia ora dovrà affrontare un processo, in cui sono loro mosse molteplici accuse, tra cui quelle di abusi sui minori, avvelenamento e tortura nei confronti del piccolo.