Si avvicinano sempre di più, due date importanti, che probabilmente cambieranno ancora una volta,come successo di frequente in quest’ultimo anno , le abitudini degli Italiani.

La prima data importante, è quella del 15 Febbraio, quando scadrà l’ultimo dpcm del Governo Conte, mentre il 5 Marzo decadrà buona parte dei provvedimenti presi durante l’emergenza covid.

Il  nuovo Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha dichiarato ieri: ” che la situazione risposte all’altezza“.

Governo Draghi, cosa succederà alla scadenza del dpcm, ci saranno cambiamenti da parte del nuovo governo?

La condizione della pandemia sembra migliorare, tant’è che quasi tutte le Regioni italiane sono zone gialla, e fermo restato l’indice RT al di sotto dell’1, le restrizioni potrebbero essere allentate dal nuovo governo.

LEGGI ANCHE–>Potremo cenare al ristorante a San Valentino? Tutto quello che cambierà a breve

Di certo, l’ultima parola spetta al comitato tecnico scientifico, e come detto, al numero di contagi che si avranno nella prossima settimana.

 

I temi in discussione sono molteplici, si va dal piano vaccinale, alla possibilità di cambiare il sistema dei colori delle Regioni, e ai rapporti proprio con quest’ultime, con le quali in piena pandemia si sono avuti scontri verbali e polemiche, sfociando anche in ricorsi al Tribunale.

Draghi, dal suo canto, ha dichiarato che si aspetta unità tra le forze politiche, e che, con i fondi messi a disposizione dall’Ue si può far tanto.

Il 15 Febbraio, è anche la data che vedrà decadere il divieto di spostamento tra le Regioni, presente nell’ultimo decreto del governo Conte.

LEGGI ANCHE–>Potremo cenare al ristorante a San Valentino? Tutto quello che cambierà a breve

Molto atteso, è il responso del Cts sulla riapertura degli impianti sciistici, che potrebbero riaprire il 15 Febbraio, apertura contestata dagli addetti ai lavori, se non ci si potrà spostare tra le Regioni.

In questo momento di stallo, dove ancora non si ha un Governo certo, l’orientamento era quello di prolungare il divieto di uscita tra le Regioni almeno fino al 5 Marzo prossimo, giorno in cui decade il dpcm contenente il divieto.

A questo punto ci si domanda, a chi spetterà prendere le decisioni, ai ministri uscenti o al nuovo governo?