Drammatica vicenda a Roma, che vede coinvolto un ragazzo di diciassette anni, suicidatosi nel 2019, a causa delle continue umiliazione da parte del suo professore.

Il ragazzo, che aveva problemi di apprendimento, si è tolto la vita stringendosi una corda intorno al collo, concludendo in maniera tragica un anno scolastico complicato.

LEGGI ANCHE–>Firenze, il video del pestaggio di una 13enne da parte di 7 coetanei postato sui social

Al momento della morte del ragazzo, i motivi che avrebbero portato lo studente ad un epilogo cosi’ tragico, non erano ancora noti.

Roma, ragazzi di diciassette anni si toglie la vita, il professore lo umiliava in continuazione di fronte ai compagni di classe.

Successivamente, e veniamo ai giorni nostri, il caso è tornato all’attenzione della cronaca, perchè la polizia sta interrogando gli ex compagni di scuola, dello sfortunato ragazzo, per capire come siano andate realmente le cose.

E’ stato cosi’ aperto un fascicolo, per istigazione al suicidio a carico di ignoti, anche se appare sempre più probabile, che il nome dell’insegnante potrebbe finire presto nel registro degli indagati.

Le indagini ,stanno ricostruendo tutta la vita vissuta dal ragazzo nell’ultimo suo anno di vita, prestando particolare attenzione alle dichiarazioni rese dagli studenti.

A quanto sembra, le testimonianze raccontano, che il docente aveva l’abitudine di prendere in giro il ragazzo di fronte ai suoi compagni di classe, comportamento ancora più deplorevole se consideriamo che il ragazzo si avvaleva dell’insegnante di sostegno, proprio a causa delle sue fragilità.

LEGGI ANCHE–>Pavia, non vede la famiglia da mesi per le restrizioni 28enne tenta il suicidio

Il ragazzo diciassettenne, si era sfogato e confidato più di una volta con i suoi compagni, per le umiliazioni ricevute arrivando al punto di affermare di volersi fare del male.

Purtroppo, alla confidenza, non è stata data la giusta misura da parte dei compagni, i quali mai e poi mai avrebbero potuto pensare ad un risvolto simile.

Si tratta comunque di  una situazione delicata, sulla quale la polizia sta svolgendo accurate indagini, cercando prove e certezze, a breve sarà la volta dell’insegnante ad essere interrogato.

Fa riflettere, e lascia amareggiati, che certi episodi avvengano, in quello che dovrebbe un posto sicuro per i nostri figli, la scuola.