Allarme variante brasiliana del Covid anche nel nostro Paese: due casi sospetti sono stati riscontrati in Umbria

Due casi sospetti di variante brasiliana del Covid in Umbria

Due casi sospetti di variante brasiliana del Covid sono stati registrati in Umbria. Lo ha comunicato l’Istituto Superiore di Sanità alla Regione. I 2 campioni, selezionati qualche giorno fa, sono stati inviati dalla microbiologia dell’ospedale di Perugia all’Istituto Superiore di Sanità. La Regione ha reso noto che le “attuali misure di contenimento adottate, già compatibili con gli interventi necessari a fronteggiare anche questa variante, saranno comunque valutate dal Comitato scientifico: l’esito sarà comunicato entro la fine della settimana. Anche tra chi è già stato contagiato dal Covid-19 esiste la possibilità di una incidenza “molta alta” di reinfezioni se le nuovi varianti del virus diventano dominanti: è l’avvertimento l’immunologo americano Anthony Fauci. Il consigliere speciale del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden sulla lotta alla pandemia e Direttore dell’ Istituto di Malattie Infettive Usa ha ribadito, pertanto, l‘urgenza di vaccinare il più alto numero di persone possibile e in fretta. La variante in Sudafrica sta causando un alto tasso di secondi contagi, ha precisato Fauci.

LEGGI ANCHE –> Sindrome Post-Covid, ecco come affrontare i sintomi residui del virus

Covid, due casi sospetti di variante brasiliana in Umbria. In Italia 9.660 nuovi positivi e 499 vittime

Sono 9.660 i nuovi casi di positività al coronavirus nelle ultime 24 ore contro i 7.925 di lunedì. Ancora in aumento i decessi: 499 contro i 329 del precedente giorno. Secondo i dati dell’ultimo bollettino del Ministero della Salute, i tamponi processati, tra molecolari e antigenici, sono 244.429 mentre il tasso di positività scende al 3.9% dal 5.56% dell’altro ieri. In calo i ricoverati in terapia intensiva (-38), per un totale di 2.214, così come quello dei ricoverati con sintomi (-53).

LEGGI ANCHE –> Vaccino Covid, scoperta truffa in Cina: vendevano fiale con acqua salata

A livello globale i casi di contagio da coronavirus accertati sono saliti a 103 milioni 866.068 mentre il numero delle persone decedute dall’inizio dell’emergenza sanitaria è pari a 2 milioni 252.812. E’ quanto si apprende dagli ultimi dati pubblicati dal Corriere della Sera. Stati Uniti e Brasile sono i Paesi più colpiti in termini assoluti: negli Usa si contano più di 26.4 milioni di casi di contagio e ben 446.744 morti mentre in Brasile i decessi sono pari a 226.309. In America Latina e nei Caraibi il numero delle vittime ha superato quota 600.000.