Pomeriggio di follia, quello che hanno vissuto gli abitanti della zona Cinquina a Roma, dove un tassista, sceso dal suo taxi, ha iniziato a sparare colpi di pistola in aria, e verso il balcone di un residente della zona.

I fatti, si sono svolti intorno alle 17 di ieri, fra le zone della Bufalotta e della Cesarina, quando un tassista di 45 anni, romano, ha aperto il finestrino del suo taxi, ed ha esploso due colpi di pistola in aria, creando notevole apprensione negli abitanti del quartiere.

Non contento, subito dopo, ha sparato un terzo colpo, questa volta in direzione di un balcone, dove si trovavano affacciati un uomo e la figlia di 6 anni.

Roma, tassista scende dal taxi ed iniziare a sparare colpi di pistola in aria, poi rivolge l’arma contro un balcone.

Fortunatamente, la pistola si è inceppata, evitando cosi’ ben più gravi conseguenze.

LEGGI ANCHE–>Bambino di 10 anni chiama i carabinieri e fa arrestare il padre violento

Il tassista a questo punto, si è seduto tranquillamente in macchina, come se nulla fosse accaduto.

Numerose le telefonate da parte degli abitanti della zona, alle forze dell’ordine, che accorse in gran numero, hanno trovato l’uomo, ancora con la pistola inceppata in mano, in evidente stato di alterazione, dovuta all’assunzione di alcool e di stupefacenti.

Il 45enne, è stato disarmato, e portato all’ospedale Sant’Andrea.

LEGGI ANCHE—>Lecce, bambina tenta di impiccarsi a scuola: salvata dalle maestre

L’uomo, è stato identificato, e nella sua abitazione, gli agenti della polizia, hanno trovato un fucile soft air e una pistola a gas, oltre a delle munizioni.

Naturalmente, l’uomo è stato arrestato, con l’accusa di  tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale.

Le forze dell’ordine, stanno tentando di capire quali siano i motivi che hanno spinto l’uomo a tali comportamenti, e soprattutto se avesse i requisiti per poter esercitare la professione di tassista, oltre che a controllare la validità della licenza del taxi.

Fortunatamente, grazie alla pistola inceppata, non si è consumata una tragedia.