Non tutte le mascherine sono uguali. Ce ne sono un tipo che sono considerate “scomode”, che “non fanno respirare” gli studenti di tutta Italia. Ma quali sono? 

Covid, queste sono le mascherine più 'odiate' dagli studenti
Queste sono le mascherine più ‘odiate’ dagli studenti

Non tutte le mascherine sono uguali. C’è un tipo che viene ‘odiato’ dalla maggior parte degli studenti di tutta Italia. Ma quali sono queste mascherine?

Il maestro Corlazzoli ha voluto denunciare, tramite un post sui social già tempo fa, quali problemi creano queste mascherine.

LEGGI ANCHE—>VACCINO ANTI-COVID, IL LAZIO E’ LA REGIONE CHE HA EFFETTUATO PIU’ RICHIAMI

Come riporta il quotidiano ‘Corriere della Sera’, questi dispositivi “Eccole! Son le famose mascherine “Mutanda” così le chiamano i bambini. Da quando arrivano queste più nessuno le mette. Su una classe di 22 bambini stamattina solo 2 la indossano ma modificata: le mamme mettono gli elastici in modo che possano metterli sulle orecchie. Gli altri? Le comprano!”.

Ha aggiunto anche “Perché? Perché son strette. Perché non riescono a respirare. Perché le femmine coi capelli lunghi non riescono ad indossarle. Perché per qualcuno puzzano! E così ogni giorno migliaia (non so quanti perché l’ufficio di Arcuri non mi ha dato il dato) di euro vengono buttati!”.

Le mascherine “Miranda” le più odiate dagli studenti e professori

Ed infine “Certo ciascuno fa la sua parte: i presidi le fanno arrivare nei plessi e sono in regola. Gli insegnanti le distribuiscono e sono in regola! I genitori che possono permettessero le comprano e i bambini sono apposto!

Ma possibile che nessuno va oltre il suo naso chiedendosi: perché stiamo buttando soldi? Se non ci servono scriviamo ad Arcuri: noi non le vogliamo”.

LEGGI ANCHE—>CORONAVIRUS, CRISANTI: “L’ESTATE E’ IN PERICOLO, A RISCHIO LE ELEZIONI”

Dopo aver letto il post in questione, lo staff del commissario Arcuri ha deciso di rispondere: “probabilmente si tratta di vecchie forniture della Fca”.

Covid, queste sono le mascherine più 'odiate' dagli studenti
Queste mascherine “Non permettono agli studenti di respirare”

E se si dovessero riscontrare qualche problema, i presidi e i professori possono fare “segnalazione alla struttura del commissario straordinario e chiedono la sostituzione”.