In un momento come quello che stiamo vivendo, in piena pandemia, c’era da aspettarselo che il vaccino anti-covid, sarebbe diventato presto, un prodotto sempre più prezioso e anelato da tutti.

Vaccino Covid: Medico lo ruba per iniettarlo ai familiari

Proprio per questo, chi per professione ne viene a contatto, ha il dovere di custodirlo con cura, e soprattutto di rispettare le graduatorie per la somministrazione, comportandosi come  una persona di tutto rispetto.

Vaccino Covid: Medico lo ruba per iniettarlo ai familiari

Cosa purtroppo non è avvenuta negli USA, è più precisamente nella contea di Harris,in Texas,dove un medico di nome Hasan Gokal, ha pensato bene di rubarne alcune dosi, per somministrarlo alla moglie e agli amici.

LEGGI ANCHE…>Covid, importanti novità per palestre e piscine, potranno riaprire in sicurezza

Il furto, è avvenuto nel mese di Dicembre, e la scoperta è stata fatta, dopo che il medico si è vantato della bravata con una collega.

Quest’ultima, fortunatamente, non si è resa complice di tale scelleratezza, ma ha denunciato il medico in questione, facendolo cosi’ licenziare ed incriminare.

Il dottor Gokal, prestava servizio presso il centro vaccinale di Harris County Public Health, e come detto, dopo essersi appropriato di 9 fiale del vaccino Moderna, lo ha iniettato alla moglie e agli amici, togliendo cosi’ la possibilità di vaccinarsi e quindi di non contrarre la malattia a persone che erano in lista perchè più bisognose.

LEGGI ANCHE…>Covid, I vaccinati possono trasmettere il virus? | La risposta

Il procuratore distrettuale, ha dichiarato:”Quello che ha fatto è illegale e dovrà risponderne davanti alla legge”, infatti il medico rischia fino ad un anno di carcere e una multa di quattromila dollari.

L’avvocato difensore, Paul Doyle, tenta di scagionare il suo cliente, dichiarando che le fiale erano danneggiate, e quindi il medico per non mandarle sprecate ha pensato bene di dare priorità alla sua famiglia e agli amici, non rispettando l’iter legale.

Vaccino Covid: Medico lo ruba per iniettarlo ai familiari

La spiegazione dell’avvocato, non ha convinto però ne il dipartimento della salute, per cui lavorava, ne la polizia che sta indagando.