“Il vaccino agli over 80 slitta di 1 mese e di 6/8 settimane per il resto della popolazione”: cosi il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri

Vaccino, Sileri: "La somministrazione agli over 80 slitta di 1 mese"
Il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri

La riduzione di dosi annunciata dalle aziende Pfizer e AstraZeneca farà “slittare di 4 settimane i tempi previsti per la vaccinazione degli over 80 e di 6-8 settimane per il resto della popolazione”: è quanto dichiarato da Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute, nel corso del proprio intervento, ieri, a “Domenica in”, su Rai 1. Sileri ha poi aggiunto: “Da domani (oggi, ndr) le dosi a disposizione si useranno anzitutto per i richiami. Per ovviare ai problemi sulla linea produttiva servirebbe un accordo quadro a livello europeo che consentisse di operare per conto terzi realizzando una sinergia tra compagnie oggi operative e altre non impegnate in tali produzioni”. Intanto sono 11.629 i casi di positività al coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore a fronte di 216.211 tamponi processati (molecolari e antigenici), -70 mila rispetto al giorno precedente, mentre i decessi sono 299, in calo rispetto ai 488 di sabato. Il tasso di positività risale dal 4.6% al 5.3%.

LEGGI ANCHE –> Variante inglese Covid, allarme da scienziati Gb: “Può essere più mortale”

Sileri: “Vaccino agli over 80 slitta di 1 mese”. Usa, da oggi stop a voli dall’Europa

Il Presidente americano Joe Biden imporrà di nuovo il divieto di entrare negli Stati Uniti alla maggior parte dei non statunitensi provenienti da Regno Unito, Brasile, Irlanda e gran parte dell’Europa e lo estenderà a chi arriva dal Sudafrica dopo le segnalazioni delle nuove varianti negli Usa. La decisione rientra nel piano della nuova amministrazione democratica per combattere l’epidemia che sta dilagando nel Paese più colpito al mondo dal Covid-19 sia in termini di contagi (25.14 milioni) che di morti (oltre 419 mila).

LEGGI ANCHE –> Nuovo sintomo Covid, 42 enne se accorge attraverso il mal di schiena

Le proteste in Olanda contro il coprifuoco anti-Covid, in vigore fino al 10 febbraio, sono degenerate in scontri con la polizia: sono stati usati cannoni ad acqua per disperdere una folla di centinaia di persone nel centro di Amsterdam. E’ la prima volta dalla Seconda Guerra Mondiale che il governo decreta il coprifuoco. Scontri anche a Eindhoven, nel sud dei Paesi Bassi: centinaia di manifestanti dispersi con l’uso di gas lacrimogeni. Negozi saccheggiati e auto incendiate: 30 gli arresti.