E’ ormai da un anno, che gli scienziati stanno studiando tutte le complicanze fisiche che il covid, che è un patogeno respiratorio, comporta nel fisico umano.

A fronte degli ultimi studi, si è scoperto che il virus, oltre che ad intaccare i polmoni, può praticamente interessare tutto il nostro organismo, compresi i tessuti e gli organi,

Proprio per questo, si è visto, che tra i sintomi, ormai noti, figura anche il mal di schiena, il quale a volte può essere l’unico presente, ed è talmente forte da richiederne il ricovero in ospedale.

Questo è proprio quello che è capitato, ad una signora di 42 anni di Molfetta, la quale ha iniziato ad accusare dei fortissimi dolori alla schiena, che all’inizio ha iniziato a curare, su consiglio del proprio medico, con dei semplici antinfiammatori.

La donna, madre di due bambine, non trovando giovamento dalle cure prescritte dal medico, anzi peggiorando sempre di più, si è recata al pronto soccorso dell’ospedale Don Tonino Bello di Molfetta.

Come da prassi, ormai in tutti gli ospedali italiani, la giovane mamma è stata sottoposta a tampone,e il risultato è stato positivo, con grande sorpresa della donna, la quale non manifestava nessuno dei sintomi covid, che ormai conosciamo tutti.

La 42enne infatti, non aveva mai avuto febbre, raffreddore, perdita del gusto o dell’olfatto,insomma niente che potesse ricondurre il suo forte mal di schiena al virus.

Fortunatamente, la signora ora sta bene, è uscita dall’ospedale prima di Natale, ed ha raccontato la sua esperienza.

Lo stesso professor Gioacchino Angarano, direttore del reparto di malattie infettive presso il Policlinico di Bari, ha evidenziato come i dolori muscolari possono presentarsi in maniera molto forte, ed essere l’unico sintomo dell’infezione, specialmente nelle giovani donne e nella fase iniziale della malattia.

Del resto è stato dimostrato, che la patologia può colpire direttamente o indirettamente praticamente ogni organo e tessuto del nostro organismo, ad esempio attraverso i coaguli di sangue o un esteso processo infiammatorio.

Insomma ,è stato scoperto scoperto che un banale mal di schiena, il cui dolore non passa con un semplice antidolorifico, potrebbe in realtà nascondere ben altra patologia.

Quindi in caso di dolori forti,’da ossa rotte’, come dice lo stesso professor Gioacchino Angarano, sarebbe buona norma recarsi in ospedale e farsi sottoporre a tampone, per scongiurare un probabile contagio.