E diventato virale il video in cui Don Pietro De Luca, parroco di Paola, bacchetta Di Maio: “Come può giudicare Draghi?

Don De Luca: "Di Maio? Povero figliolo, come può giudicare Draghi?"
Don Pietro De Luca

Dopo l’incontro interlocutorio con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella il Premier Giuseppe Conte, che ha ottenuto la fiducia del Senato con una maggioranza semplice, 156 sì, si è dato 10 giorni di tempo per provare ad allargare il perimetro dell’attuale maggioranza: servono altri 14 senatori, responsabili o costruttori che siano, per arrivare a 170, quota che garantirebbe all’esecutivo giallo-rosso una navigazione tranquilla e la stabilità necessaria, ad esempio, per non sprecare l’opportunità storica del Recovery Fund. In caso di ulteriore stallo, tutti i partiti ufficialmente si dichiarano a favore del ritorno alle urne: ipotesi alquanto remota stante la spada di Damocle del semestre bianco, gli ultimi sei mesi del mandato del Capo dello Stato durante i quali non si possono sciogliere le Camere e quindi indire nuove elezioni politiche, che inizierà a luglio. Senza tralasciare l’inchiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro, che vede coinvolto anche Lorenzo Cesa, segretario nazionale dimissionario dell’Udc, che è piombata come un macigno sulle trattative tra il governo e i moderati/centristi dell’opposizione. Ecco allora, qualora Conte dovesse alzare bandiera bianca, allungarsi, come in altri analoghi frangenti della storia della nostra Repubblica, l’ombra di un governo istituzionale guidato da una personalità di alto profilo: in tal caso il nome che circola con insistenza è quello dell’ex Presidente della BCE Mario Draghi, in cima alla lista dei desideri di esponenti politici, del Capo dello Stato, di commentatori e perfino dei…preti.

LEGGI ANCHE — > Colpo alla ‘ndrangheta: arresti in tutta Italia. Indagato il segretario dell’Udc Cesa

Don Pietro De Luca De Luca: “Come può Di Maio giudicare Draghi?”. Il video è virale

L’affondo contro il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio da parte di Don Pietro De Luca, parroco di Paola, in provincia di Cosenza, è arrivato al termine della funzione religiosa quando poco prima della benedizione ha messo tra parentesi il rito liturgico per lanciarsi in vero e proprio comizio politico con venature da stand-up comedian il cui relativo video ha fatto il giro del web: 

LEGGI ANCHE –> GF Vip, Stefania Orlando si sente male “Voglio andare in ospedale”

“Per ritornare ad una vita buona abbiamo bisogno di ritornare all’amore grande delle parole. Faccio un esempio: Di Maio un giorno incontra Mario Draghi. Quando Di Maio incontra Draghi, ha un diploma di scuola superiore, curriculum nobile ma popolare. Dice Di Maio: “Ho incontrato Draghi e mi ha fatto una buona impressione. È come se io incontro Papa Francesco e dico che mi ha fatto una buona impressione. L’Italia si fa rappresentare da uno che incontra Draghi e dice mi ha fatto una buona impressione”. Accortosi di essere stato immortalato in un video, Don Pietro prima ha intimato al filmmaker di non pubblicarlo, poi ci ha ripensato: “Fai quello che vuoi. Sono un libero cittadino e posso dire quel che voglio“.