Il maltempo non dà tregua al nostro Paese: allerta arancione in 3 Regioni e gialla in altre 7 per neve, piogge intense e raffiche di vento, con conseguente brusco calo della temperatura

Maltempo, è allerta in 10 Regioni per neve e pioggia

Dopo il fronte di aria gelida proveniente dalla Russia, una nuova perturbazione in arrivo dal Nord Europa sta raggiungendo il nostro Paese portando con sé venti impetuosi, piogge e neve. Ormai il giallo e l’arancione hanno sostituito il verde e il bianco della nostra bandiera nazionale. L’Italia, infatti, è suddivisa in diverse zone cromatiche, gialle e arancioni, non solo in funzione del maggiore o minore impatto dell’epidemia di Covid-19 ma anche per il maltempo. Il Dipartimento della Protezione civile ha emesso un’allerta meteo per precipitazioni diffuse, accompagnate da frequente attività elettrica, rovesci di forte intensità, grandinate e forti raffiche di vento, sulla Liguria, Emilia-Romagna e Toscana e, in estensione, sul Veneto, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise. Allerta arancione per Emilia Romagna, Liguria e Toscana; gialla per Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Molise, Umbria e Sardegna.

LEGGI ANCHE –> Vaccino, De Luca: “In Campania metà dosi, pronti a tutelarci in tutte le sedi”

Maltempo, allerta arancione in 3 Regioni, gialla in altre 7. Le previsioni per il week end

Come anticipato nel primo paragrafo, una vasta area depressionaria, centrata sul Mare del Nord, abbraccia l’Europa centro-occidentale e nei prossimi giorni diversi impulsi perturbati di origine atlantica coinvolgeranno anche il nostro Paese. Da oggi, venerdì 22 gennaio, e per tutto il weekend l’Italia sarà di nuovo nella morsa del maltempo che sarà accompagnato da un brusco calo delle temperature.

LEGGI ANCHE –> Vaccino Pfizer, Arcuri: “Campagna vaccinale rallenta, -20% dosi”

Sono, quindi, attese piogge intense, localmente a carattere temporalesco, con il  concreto rischio di nubifragi, soprattutto sulla Liguria di levante, sull’alta Toscana, sul Lazio e sulla Campania oltre che sulle Alpi lombarde, su quelle trentine e in genere sul Triveneto. Su queste aree anche abbondanti nevicate seppure a quote superiori ai 1000 metri.