Una sigaretta elettronica, esplosa a Milano nella giornata di lunedì 18 gennaio, ha causato a un uomo ustioni ai genitali

Sigaretta elettronica esplode ustiona uomo genitali
(foto dal web)

Nella mattinata di lunedì 18 gennaio, nei minuto precedenti alle ore 7.55, a un uomo sarebbe esplosa una sigaretta elettronica. Il fatto, che ha causato al malcapitato protagonista ustioni a mani, gambe e genitali, è accaduto a Milano. Ad intervenire sul posto per prestare i primi soccorsi alla persone, un 36enne, è stato il personale del 118.

I soccorritori ha poi trasportato la vittima dell’incidente all’ospedale Niguarda in codice giallo. È stato l’uomo stesso a contattare la centrale dell’agenzia regionale di emergenza per richiedere di essere soccorso. Stando al racconto del 36enne, a provocargli le ustioni sarebbe stata la sua sigaretta elettronica, probabilmente situata in tasca nei suoi pantaloni.

LEGGI ANCHE —> Covid Lombardia, rianimazioni: “Pronti ad attivare 500 letti”. Poi la smentita

LEGGI ANCHE —> ‘Ndrangheta, “Operazione Faust”: 49 arrestati tra cui il sindaco di Rosarno

Milano, sigaretta elettronica esplode nei pantaloni e causa ustioni a un uomo

Sigaretta elettronica esplode ustiona uomo genitali
(foto dal web)

Dalla centrale di Areu è partita l’ambulanza, in direzione di via Giovanni Boccaccio. Sul posto i soccorritori hanno prestato le prime cure alla persona, ferita con ustioni di primo e secondo grado sulla mano sinistra, sulle gambe e sui genitali. L’uomo è poi stato trasportato all’ospedale Niguarda. Già nel febbraio 2020, era capitato un evento di questo genere a Torre del Greco, in provincia di Napoli.

In questo caso, la sigaretta elettronica di una donna era esplosa nella tasca del proprio giubbotto. L’esplosione aveva creato una fiammata che le aveva causato delle ustioni alle mani. La ragazza era stata poi soccorsa e trasportata in ambulanza all’ospedale Agostino Maresca di Torre del Greco. In quel caso, la vittima non aveva riportato delle ustioni gravi. Infatti la giovane era stata curata e poi dimessa senza riportare conseguenze.