Il Covid miete un’altra vittima tra i camici bianchi: è morto il sindaco, e medico, di San Nicandro Garganico, in provincia di Foggia

Uuore per Covid il sindaco, e medico, di San Nicandro Garganico
Costantino Ciavarella

E’ sempre più alto il prezzo pagato dalla classe medica all’epidemia di Covid: il sindaco e medico di San Nicandro Garganico, in provincia di Foggia, Costantino Ciavarella, ricoverato dallo scorso 26 dicembre per aver contratto il Covid, è deceduto nella notte al “Masselli Mascia” di San Severo (FG). Aveva 65 anni e non aveva patologie pregresse. A quanto si è appreso, Ciavarella sarebbe stato contagiato dal Covid durante una visita a un paziente risultato poi positivo al virus. Qualche giorno fa sembrava che le sue condizioni stessero migliorando ma successivamente si è invece verificato un brusco peggioramento. Numerosi i messaggi di cordoglio dei sindaci delle vicine cittadine del Gargano. “Era sindaco e medico, quindi doppiamente in prima linea contro il contagio. In lui il senso del dovere era più forte di ogni paura. Era una persona mite e cordiale”, così il primo cittadino di San Severo, Francesco Miglio.

LEGGI ANCHE –> Vaccino anti-Covid, Arcuri: “Pfizer ripristini quantità pianificate”

Covid, muore il sindaco, e medico, di San Nicandro Garganico. Nelle ultime 24 ore 16.146 nuovi positivi e 477 morti

Sono 16.146 i positivi al Covid e 477 i morti nelle ultime 24 ore, entrambi i dati in calo rispetto alla precedente rilevazione. 273 mila i tamponi processati che per la prima volta vedono sommati i molecolari e quelli antigenici. Con il dato degli antigenici il rapporto tra positivi e tamponi scende dal 10.7% di ieri al 5.9%. Calano i ricoveri in terapia intensiva -35, in tutto 2.522, scendono anche i ricoverati con sintomi -269, in totale 22.841. In Lombardia 2.205 nuovi casi, in Sicilia 1.945 e in Emilia Romagna 1.794. Mentre ha superato quota 93 milioni il numero dei casi di contagio da Covid-19 registrati ufficialmente nel mondo dall’inizio della pandemia, di cui 51.3 milioni guariti. Lo ha reso  noto l’Università americana “Johns Hopkins” che riporta anche 1.99 milioni di decessi totali legati al nuovo coronavirus. Il Paese più colpito al mondo in termini assoluti dalla pandemia restano gli Stati Uniti, con 23.3 milioni di contagi e 388 mila decessi, seguono l’India e il Brasile.

LEGGI ANCHE –> Covid, Gimbe: “Vaccino non è la soluzione, serve il lockdown”

Intanto per effetto della nuova ordinanza firmata dal Ministro della Salute Roberto Speranza, in vigore da domani fino al 5 marzo, Campania, Sardegna, Basilicata, Toscana, Provincia Autonoma di Trento e Molise restano in fascia gialla. In arancione Umbria, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Marche, Lazio, Piemonte, Valle d’Aosta, Puglia e Calabria. In zona rossa Lombardia, Sicilia e Provincia Autonoma di Bolzano che ha chiesto una “verifica alla Asl per avere basi scientifiche per una scelta adeguata” mentre il Presidente lombardo Attilio Fontana ha bollato come “una punizione che la Lombardia non merita” l’inserimento della Lombardia in zona rossa.