Il vaccino Pfizer-BioNTech è efficace anche contro le varianti britannica e sudafricana del Covid secondo l’Ad di Pfizer Albert Bourla

Covid, vaccino Pfizer efficace anche contro le varianti inglese e sudafricana

“Secondo i primi studi c’è un’elevata efficacia del vaccino Pfizer/Biontech contro le varianti britannica e sudafricana“. Lo ha affermato Albert Bourla, Presidente e Ad di Pfizer. “Sulla durata del vaccino-ha aggiunto-sappiamo è che per ora le persone vaccinate da 6-7 mesi mantengono alto il livello di protezione“. Poi Bourla ha rivelato: “Stiamo studiando se, oltre a proteggere, il vaccino impedisca anche la trasmissione del virus da un individuo all’altro, sugli animali c’è una significativa protezione, non abbiamo abbastanza dati sugli umani”. Nel frattempo il Comitato Scientifico per la sorveglianza dei vaccini anti-Covid-19 (Csv) dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) “ritiene necessario attenersi alle correnti indicazioni di somministrazione di due dosi per i vaccini finora approvati”. Lo si legge sul sito dell’AIFA. “Non sappiamo- motiva il Csv – quanto si prolunghi l’immunità dopo una prima dose. Una popolazione vaccinata con una sola dose vede il suo rischio di ammalarsi di Covid soltanto dimezzato“.

LEGGI ANCHE –> Italia Viva ha ritirato le proprie Ministre: è crisi di governo

Vaccino Pfizer-BioNTech efficace anche contro le varianti del Covid. Speranza: “L’epidemia è di nuovo in  fase espansiva”

“Non c’è altra strada che l’unità per affrontare l’emergenza più grave dal Dopoguerra”. Così il Ministro della Salute, Roberto Speranza, nelle comunicazioni alla Camera dei Deputati sulle nuove misure anti-Covid aggiungendo poi che è “inevitabile” la proroga dello stato di emergenza fino al 30 aprile. Nell’informativa ha messo in guardia: “L’epidemia è nuovamente in una fase espansiva, c’è un peggioramento generale. Con i vaccini il Covid ha i mesi contati ma non abbiamo ancora vinto“.

LEGGI ANCHE –> Covid, primo decesso in Cina dopo otto mesi

Il Ministro della Salute Roberto Speranza ha poi ribadito: “Le prime tappe della campagna di vaccinazione sono chiare e definite: innanzitutto operatori sanitari, personale e ospiti Rsa e ultraottantenni. Oltre 6 milioni di persone di cui oltre 4 sono over 80. Aver scelto questa priorità rappresenta un tratto di umanità e civiltà profondamente giusto”. Intanto, secondo quanto si legge sul sito dell’AIFA, nella sezione, in continuo aggiornamento, dedicata alla campagna vaccinale, risultano già inoculate 800 mila dosi sulle 1.4 milioni consegnate all’Italia.