Tragico incidente sul lavoro a Jesi, in provincia di Ancona: morto un operaio di 55 anni, travolto da un carrello mentre lavorava sui binari

Jesi, travolto da un carrello: morto operaio di 55 anni

 

L’annus horribilis 2020 si è chiuso sul fronte della sicurezza sul lavoro con la morte di un vigile del fuoco, un 54enne rimasto folgorato durante un intervento di messa in sicurezza di un palo delle linee elettriche, a Nulvi, in provincia di Sassari, a causa del maltempo, e purtroppo anche il 2021 si apre con un incidente sul lavoro: un operaio di 55 anni, Pasquale Barra, originario di Afragola, in provincia di Napoli, è morto nei pressi della stazione di Jesi, in provincia di Ancona; è stato travolto e ucciso da un carrello mentre lavorava vicino a un binario. La vittima era dipendente di una ditta di Casoria, in provincia di Napoli, che sta eseguendo interventi di restyling nella zona e abbattimenti di barriere architettoniche per conto di Rfi.

LEGGI ANCHE –> Vaccino Covid, avanzano dosi e gli operatori sanitari chiamano i parenti

Jesi, travolto da un carrello sui binari: morto operaio di 55 anni. La ricostruzione dell’incidente

Secondo una prima ricostruzione, sembra che l’operaio si trovasse sui binari, o perché in conseguenza di una caduta o in quanto chino mentre lavorava, quando è stato travolto da un escavatore su rotaie: il mezzo era guidato da un collega della vittima che non si è accorto della sua presenza a pochi metri, forse, a causa dell’altezza della cabina di guida. Gli agenti della Polfer e del Commissariato di Jesi hanno acquisito tutti gli elementi utili a ricostruire la dinamica della tragedia.

LEGGI ANCHE –> Covid, Agenas: intensive oltre soglia in 9 Regioni

Il cantiere è stato posto sotto sequestro così come il carroponte mentre il pm di Ancona Ruggiero Dicuonzo ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. Al momento risulta indagato il collega della vittima che era alla guida del mezzo. Disposto l’esame necroscopico del corpo della vittima.