In crescita il numero delle Regioni che superano il livello di guardia dei posti occupati da pazienti Covid nelle terapie intensive

Agenas: in 9 Regioni terapie intensive oltre soglia

Torna ad aumentare il numero di Regioni che oltrepassano la soglia d’allerta per i posti occupati da pazienti Covid in terapia intensiva: la media nazionale si attesta infatti al 30% ma a superare questa soglia sono 9 Regioni, ovvero 3 in più in una settimana. Cresce anche il numero di Regioni che superano la soglia d’allerta del 40% dei posti nei reparti ospedalieri: sono anche in questo caso 9, una in più rispetto a una settimana fa. E’ quanto evidenziano i dati dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (Agenas). Intanto l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiesto all’Europa di “fare di più” contro la pandemia di coronavirus. La “situazione allarmante” è aggravata dalla circolazione in Europa della variante britannica e, ha rimarcato il Direttore del Dipartimento Europa, Kluge, “ci sono misure di base che tutti conosciamo e che vanno intensificate per ridurre la trasmissione del virus, ridurre il peso sui servizi sanitari e salvare vite”. Sulla variante britannica del Covid, Kluge ha spiegato che “non è più o meno grave, si diffonde in tutte le fasce d’ età e i bimbi sembrano più a rischio“.

LEGGI ANCHE –> Dopo l’assalto, Trump riconosce la vittoria di Biden

Covid, Agenas: intensive oltre soglia in 9 Regioni. Italia prima in Ue per numero di vaccinati

Sono 18.020 i nuovi casi di Coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, in calo rispetto ai 20.311 del giorno precedente ma a fronte di oltre 60 mila tamponi in meno, 121.275, altre 414 vittime per il relativo totale che sale a 77.291. Il tasso di positività risale al 14.8%. In Veneto 3.596 nuovi casi, 2.799 in Lombardia e 2.228 in Emilia Romagna. I casi di contagio da coronavirus a livello globale hanno superato la soglia degli 88 milioni, registrando un incremento di 3 milioni di infezioni in soli 4 giorni. E’ quanto si apprende dall’ultimo bilancio della Johns Hopkins University. Il numero complessivo dei decessi è pari a 1 milione 898.655. Il Paese più colpito al mondo dalla pandemia in termini assoluti restano gli Stati Uniti dove sono stati accertati oltre 21 milioni 579.000 casi di contagio e 365.208 vittime, segue il Brasile con più di 200.000 morti.

LEGGI ANCHE –> FIMMG: “Se medici non vaccinati, impossibile coinvolgerli come vaccinatori”

“I medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta, come tutto il personale sanitario, hanno la priorità nelle vaccinazioni. E come già previsto dal piano avranno un ruolo fondamentale in fasi diverse della campagna di vaccinazione anti-Covid 19″. Così il Ministro della Salute Roberto Speranza dopo che la FIMMG, Federazione dei Medici di Medicina di base, aveva lamentato che in molte Regioni proprio i medici di famiglia, disponibili a somministrare il vaccino, siano tra gli ultimi in lista per l’immunizzazione. Comunque, l’Italia per numero di vaccinazioni contro il Covid-19 eseguite è il primo Paese nell’Unione Europa, e ottava nella classifica mondiale, con più di 320.000 somministrazioni (0.55% del totale). Lo si apprende dall’attività di ricerca del sito “Our World in Data” basata sui dati dei ministeri della Salute dei vari Paesi. Nell’ordine, ai primi 10 posti nel mondo figurano Israele, Emirati Arabi, Bahrain, Stati Uniti, Gran Bretagna, Danimarca, Russia, Italia, Germania e Canada.