Il cuore di Napoli non smette mai di meravigliare: dopo il regalo di Natale sospeso anche la calza della Befana sospesa

La calza della Befana sospsa

L’Epifania tutte le feste porta via“, recita un vecchio adagio popolare. Ebbene, quest’anno, il primo, speriamo che sia anche l’ultimo, dell’era Covid, la vecchina bitorzoluta che vola a cavallo di una scopa ha portato via anche la mestizia legata a delle feste natalizie vissute in tono minore tra divieti di assembramenti, restrizioni alla mobilità e inviti contingentati alle tradizionali tavolate. Anche il Giorno dell’Epifania non è sfuggito al clima di malinconia e tristezza che ha pervaso il Natale e Capodanno: strade desolatamente vuote laddove prima brulicavano di bambini festanti dopo aver  scartato i regali e i dolciumi trovati nella calza della Befana. Senza tralasciare i tanti che, a prescindere dalle misure anti-Covid, non hanno potuto confezionare la calza per i loro bambini e cari in quanto, avendo perso il lavoro, e quindi senza una fonte di reddito, in conseguenza dello stop alle attività commerciali considerate non essenziali, non avevano le possibilità economiche per acquistarla già confezionata o per riempire di regali e dolciumi una fai da te. A quest’ultimi ha pensato la Coldiretti con l’iniziativa di solidarietà “La calza sospesa” nell’ambito della Campagna amica di Napoli.

LEGGI ANCHE –> FIMMG: “Se medici non vaccinati, impossibile coinvolgerli come vaccinatori”

Napoli, la calza della Befana sospesa. 6 italiani su 10 non hanno rinunciato alla calza della Befana

Napoli non tradisce mai la propria vocazione alla solidarietà, alla generosità e all’aiuto disinteressato nei confronti di chi versa in gravi ristrettezze economiche e così nel Giorno dell’Epifania al caffè sospeso, alla spesa sospesa e al regalo di Natale sospeso si è aggiunta anche la calza sospesa per iniziativa della Coldiretti: i cittadini hanno, quindi, potuto acquistare dolcetti, agrumi, marmellate, prodotti di elevata qualità e a km zero e altre leccornie da mettere nelle calze da donare ai ragazzi bisognosi dei quartieri disagiati. Di conseguenza con la fine delle feste salgono ad oltre 5 milioni i kg di prodotti tipici distribuiti gratuitamente dagli agricoltori della Coldiretti nel 2020.

LEGGI ANCHE –> Napoli, anche il regalo di Natale sospeso

Nonostante le difficoltà economiche, indesiderati effetti collaterali dell’epidemia di Covid,  6 italiani su 10 non hanno rinunciato alla calza della Befana: il Covid, dunque, non ha fermato una delle tradizioni più radicate, quella che della vecchietta volante un po’ strega e un po’ nonna. Dolci e carbone nella calza o anche un gioco ma si è speso di meno: secondo i dati  della Confesercenti, il relativo budget è sceso da 68 a 58 euro, -15%, in calo quello per i giochi, quest’anno anche sostituiti da regali utili.