È stato effettuato un test in chiave Covid, che ha riguardato 463 spettatori che hanno preso parte a un concerto al chiuso a Barcellona

Covid test spettatori concerto chiuso
(foto dal web)

Il mondo dello spettacolo è stato uno dei settori lavorativi più duramente colpiti in questo anno di pandemia da Covid. Sono stati innumerevoli gli eventi annullati per via delle restrizioni per contenere i contagi. Per questa ragione, a Barcellona è stato compiuto un test. Il 12 dicembre è stato organizzato un concerto alla Sala concerti Apolo. All’interno di essa, omologata per contenere al massimo 900 persone, hanno partecipato 463 soggetti.

Precedentemente a questo evento, coloro che avrebbero dovuto prenderne parte si sono sottoposti a un test antigenico rapido. Una volta risultati negativi, tutti questi, indossando una mascherina FFP2, hanno visto il concerto-dj set. Inoltre è stata prevista una zona fumatori dedicata all’aperto con accessi contingentati, la possibile consumazione di bevande al bar nonché la possibilità di muoversi in libertà senza dover necessariamente mantenere il distanziamento sociale.

LEGGI ANCHE —> Covid, Speranza: “Ipotesi zona rossa nel prossimo weekend”

LEGGI ANCHE —> Vaccino Covid, come e quando si potrà fare? I piani delle Regioni

Covid, test su un concerto al chiuso: nessuno dei 463 spettatori contagiato

Covid test spettatori concerto chiuso
(foto dal web)

All’indomani tutti coloro che hanno preso parte al concerto si sono sottoposti a un tampone naso-faringeo che ha confermato la loro precedente negatività ai test antigenici rapidi. Otto giorni dopo il concerto, le stesse persone si sono sottoposte al medesimo test e, ancora una volta, sono risultate tutte negative.

Il pubblico che aveva assistito all’evento aveva un’età compresa tra i 18 e i 59 anni, non soffriva di malattie croniche, non viveva insieme a soggetti anziani e non erano risultate positive al Covid nei 14 giorni antecedenti al concerto. Si tratta di un test che fa ben sperare per il futuro. Questo il commento di Josep Maria Llibre e il dottor Boris Revollo, responsabili della ricerca clinica chiamata PRIMA-CoV. “Lo studio permette di dichiarare che un evento che si svolge con queste stesse condizioni è sicuro“.