La Cina ha concesso l’autorizzazione al vaccino sviluppato dal gruppo farmaceutico controllato dal governo Sinopharm 

Covid, Cina: approvato il vaccino, efficace al 79%, della Sinopharm
(foto dal web)

Si allunga la lista dei vaccini contro il Covid-19 che si sono dimostrati sicuri ed efficaci: quello sviluppato dal gruppo farmaceutico cinese  Sinopharm che ha mostrato un’efficacia pari al 79.34 per cento. E’ il primo annuncio ufficiale sull’efficacia di un vaccino tra numerosi candidati cinesi che hanno concluso la fase 3 di sperimentazione. Le autorità cinesi hanno così approvato il vaccino anti-Covid messo a punto dalla società farmaceutica statale Sinopharm: lo riporta la Cnn che cita funzionari del governo. Ricordiamo che il vaccino sviluppato dalla statunitense Pfizer, in sinergia con la tedesca BioNTech. è efficace al 95% mentre quello sviluppato da AstraZeneca, in collaborazione con l‘Università di Oxford e lRBM di Pomezia, raggiunge un massimo del 90% (con una dose e mezza). Il vaccino di Moderna è efficace al 94%.

LEGGI ANCHE –> Vaccino Pfizer, AIFA: “Da 1 fiala 6 e non 5 dosi”

Covid, Cina: vaccino Sinopharm efficace al 79.34%: approvato. Condannata l’attivista e blogger Zhang Zhan

Intanto dallo scorso 15 dicembre la Cina ha somministrato oltre 3 milioni di dosi di vaccino a “gruppi chiave” della propria popolazione. Lo ha comunicato il viceministro della Commissione sanitaria Zeng Yixin. Il dato si aggiunge alle dosi (1.5 milioni) che sono state somministrate a novembre ai “gruppi ad alto rischio“, ha precisato il viceministro. Fra i vaccinati lo 0,1% ha avuto febbre leggera e circa 2 persone su un milione hanno manifestato “reazioni gravi” come allergie. Pechino, inoltre, ha confermato il primo caso della variante britannica del Covid.

LEGGI ANCHE –> Firenze, rinvenuti in casa 3 cadaveri: donna morta di tumore, i figli si suicidano

Intanto un Tribunale di Shanghai ha condannato a 4 anni di carcere Zhang Zhan, attivista e blogger che era stata arrestata a maggio per le notizie diffuse sull’epidemia di coronavirus a Wuhan e incriminata con l’accusa di pubblicazione di “informazioni false”. In alcuni video l’ex avvocato Zhang aveva mostrato crematori e ospedali sovraffollati a Wuhan mentre la città lottava per contenere l’epidemia di Covid ai primi di febbraio. A suo carico anche le accuse di aver creato disordini e di aver dato interviste a media stranieri.