Sempre più pesante il bilancio del forte sisma, di magnitudo 6.4, che ha colpito la Croazia: almeno 8 morti e decine di feriti. Il sindaco di Petrinja, epicentro della scossa tellurica: “La mia città è come Hiroshima”

Forte scossa di terremoto in Croazia: almeno 8 morti e decine di feriti

Si aggrava di ora in ora il bilancio delle vittime del forte terremoto, di magnitudo pari a 6.4, che ha investito la Croazia nella tarda mattinata di ieri: 8 i morti accertati, e decine i feriti, alcuni dei quali gravissimi. Tuttavia si continua a scavare tra le macerie per trovare eventuali dispersi. Il Premier Andrej Plenkovic ha annunciato uno stanziamento di 16 milioni per le località colpite mentre la Presidente della Commissione Ue Von der Le yen ha promesso aiuti urgenti dall’Unione: “Pronti a intervenire“. Il sisma ha avuto epicentro vicino a Petrinja, 50 km a sud-est della capitale, Zagabria. La cittadina è semidistrutta. Danni notevoli anche a Sisak, Glina e nella stessa Zagabria. Intanto, prosegue lo sciame sismico, stamattina sono state registrate altre 3 scosse, la più intensa delle quali di magnitudo 4.9.

LEGGI ANCHE –> Abruzzo, terremoto di magnitudo 3.0 lungo la costa

Sisma Croazia, 8 morti e decine di feriti. Il sindaco di Petrinija: “E’ come Hiroshima”

E’ straziante il grido di dolore del sindaco di Petrinja, Darinko Dumobvic, città epicentro della forte scossa tellurica che ieri ha investito la Croazia: “La mia città è stata completamente distrutta, ci sono morti e feriti. E’ come Hiroshima: metà della città non esiste più, abbiamo bisogno di aiuto”. Solidarietà alla Croazia dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con un messaggio al suo omologo croato Zoran Milanovic: “Ho appreso con tristezza la notizia delle forti scosse di terremoto che nelle ultime ore hanno colpito il suo Paese provocando vittime e ingenti danni soprattutto a Petrinja. Desidero quindi esprimere a lei e a tutto il popolo croato – in particolare a quanti affrontano le difficoltà generate dal sisma – i più sinceri sentimenti di cordoglio e partecipe vicinanza della Repubblica Italiana. Nel confermarle che in questa difficile circostanza la Croazia può contare sulla solidarietà e la collaborazione dell’Italia, le rinnovo, a nome del popolo italiano e mio personale, le più sentite condoglianze”. Il Premier Giuseppe Conte ha assicurato aiuti.

LEGGI ANCHE –> Sileri: “Per sconfiggere il Covid adesione massiccia al vaccino”

La forte scossa sismica è stata avvertita distintamente lungo tutta la costa adriatica, da Trieste all’Abruzzo, come confermato dall’INGV. Per aggiornare sui terremoti l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, infatti, pubblica in tempo reale sul canale Twitter@INGVterremoti le localizzazioni del sisma calcolate in modo automatico dai software della Sala di Sorveglianza Sismica di Roma. Per i terremoti superiori ad una magnitudo di 3.0 un paio di minuti dopo l’evento viene pubblicato un tweet con la stima automatica dell’epicentro e della magnitudo. La localizzazione e la magnitudo automatiche sono calcolate dal software senza intervento umano e sono dunque soggette alle incertezze delle coordinate ipocentrali e della magnitudo insite nel sistema di calcolo.