Nel Dpcm gennaio potrebbe essere stabilita la riapertura di attività, come palestre, cinema, ristoranti e centri estetici

Dpcm gennaio riapertura palestre cinema ristoranti
(foto dal web)

Il 2020 sta volgendo al termine e anche il decreto del Governo con le relative restrizioni. Ebbene, una delle domande più ricorrenti è quanto manchi alla riapertura di palestre, cinema e centri estetici e delle altre attività costrette a rimanere chiuse da tempo.

In un primo momento, la speranza era che le riaperture potessero avere luogo già intorno alla metà di gennaio. Tuttavia bisognerà attendere il parere del Comitato tecnico scientifico che dovrebbe avvenire nei prossimi giorni, basandosi anche sui dati sui contagi.

Secondo quanto riportato dal ‘Corriere della Sera‘, la questione sarebbe aperta in particolar modo nelle Regioni che successivamente alle festività saranno in fascia gialla. Il Cts sta discutendo con il Ministero dello Sport per far riprendere l’attività fisica, però le tempistiche sembrano lunghi e la scelta potrebbe giungere intorno al 15, dunque successivamente all’Epifania.

LEGGI ANCHE —> V-Day, anche il Governatore De Luca si è vaccinato: è bufera

LEGGI ANCHE —> V-Day, Commissario Arcuri: “In Germania 11 mila dosi”

Dpcm gennaio: le ipotesi per palestre, cinema, ristoranti e altre attività

Dpcm gennaio riapertura palestre cinema ristoranti
(foto dal web)

Gli ingressi nelle palestre potrebbero essere contingentati e vietato l’utilizzo degli spogliatoi. Possibili soltanto le lezioni singole, vale a dire un soggetto per volta con un solo insegnante. Generalmente quindi possibili le riaperture delle discipline in grado di svolgersi in modalità individuale.

Per quel che concerne cinema, teatri e sale da concerto, il nodo da sciogliere sono le file agli ingressi. La stessa questione riguarda i musei, con gli accessi contingentati e su prenotazione per scongiurare persone assembrate dentro. Si tratta di aperture che potrebbero subire slittamenti.

Non vi è ancora chiarezza sulle misure che riguarderanno bar e ristoranti. Stiamo parlando di quelle che dovranno imporre ai clienti, a seguito delle restrizioni imposte nel corso delle festività di Natale. Tuttavia non si esclude che si prosegua con la limitazione di quattro persone per ogni tavolo. Probabile che novità siano in arrivo attorno all’Epifania.