Ha fatto il giro del web il video della maxi-rissa andata in scena a Ercolano, in provincia di Napoli, alla Vigilia di Natale. Il sindaco: “Li rintracceremo e li puniremo”

Ercolano, il video della maxi-rissa ha fatto il giro del web

Una maxi-rissa, nel corso della quale sono volati calci, pugni e bottiglie di vetro, e prima un maxi-assembramento, a dispetto della zona rossa, a Ercolano, in provincia di Napoli, nella sera della Vigilia di Natale. Il relativo video, che immortala ragazzi che rincorrono in motorino in una piazza del centro, altri che si insultano e poi si azzuffano in mezzo alla strada fino all’arrivo delle forze dell’ordine, impazza nei social network. Un residente della zona ha ripreso la scena e pubblicato il video sui social, scatenando l’ira degli utenti, in cui lo si sente commentare le immagini: “Guardate come si stanno picchiando, guardate, questa è Ercolano!“.

LEGGI ANCHE –> Covid, Gran Bretagna: allo studio farmaco che blocca il virus

Ercolano, maxi-rissa alla Vigilia di Natale: il video spopola nel web. Il sindaco: “Li rintracceremo e li puniremo”

Numerosi giovani hanno preso parte alla rissa, avvenuta tra le auto parcheggiate, motorini che scorrazzavano, traffico impazzito, clacson e urla. Un “litigio” nato per motivi  ancora non chiari. Nelle immagini, come detto, si intravedono ragazzi che, in spregio alle regole anti-assembramento, si rincorrono e si azzuffano fino all’arrivo delle forze dell’ordine.
E’ una vergogna, quattro idioti hanno rovinato la magia del Natale – ha commentato, indignato, il sindaco Ciro Buonajuto – Noi acquisiremo le immagini, li rintracceremo e li puniremo. Quello che è accaduto non può rimanere senza colpevoli. Confido nell’operato delle forze dell’ordine per individuare i protagonisti di questo gravissimo atto di violenza. Da genitore non vi nascondo il grandissimo dispiacere che ho provato. Proprio da genitore invito tutti noi ad una profonda riflessione. I ragazzi sono il nostro futuro, noi dobbiamo essere di esempio e sostenerli, ma abbiamo anche l’obbligo di educarli al rispetto delle regole e ad una sana convivenza”. Come auspicato dal primo cittadino ercolanese, su tale deplorevole episodio è stata aperta un’indagine affidata alla locale Polizia Municipale.