La Protezione Civile ha diramato un’allerta gialla per 11 Regioni a causa del maltempo che continua a flagellare il nostro Paese

Allerta gialla in 11 Regioni per il maltempo

Ai sensi dell’ultimo DPCM contenente misure di contrasto al contagio da Covid-19 più stringenti, tutta l’Italia fino a lunedì prossimo è in zona rossa. Tuttavia, una porzione consistente del nostro Paese è in queste ore anche “gialla” per effetto dell‘ondata di  maltempo che continua a imperversare. La Protezione Civile ha emesso, infatti, un’allerta gialla per 11 Regioni: Emilia Romagna, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. Il peggioramento delle condizioni meteo registratosi ieri nel Settentrione si è esteso al Centro-Sud dove sono previsti nevicate, anche a quote basse, temporali sui versanti tirrenici meridionali e deciso rinforzo dei venti in Sardegna.

LEGGI ANCHE –> Abruzzo, terremoto di magnitudo 3.0 lungo la costa

Maltempo, allerta gialla in 11 Regioni. Avviso di codice giallo anche per la Toscana

A partire da stasera sono attese nevicate a quote superiori ai 400-600 metri in Abruzzo e in Umbria (con apporti al suolo moderati fino ad abbondanti) e a quote superiori ai 600-800 metri in Sardegna (con apporti al suolo da deboli a moderati). Previste poi precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, su Campania, Basilicata e Calabria, specie sui versanti tirrenici. Attesi venti di burrasca in Sardegna, con mareggiate lungo le coste. Anche se la Protezione Civile non l’ha indicata come regione a rischio, secondo quanto riporta il portale notizie.it, il Centro funzionale regionale della Toscana ha emesso un avviso di codice giallo anche per questo territorio. L’allerta riguarda anche in questo caso l’arrivo di venti forti e neve a bassa quota.

LEGGI ANCHE –> Covid, Gran Bretagna: allo studio farmaco che blocca il virus

Si prevedono, infatti, precipitazioni nevose nelle zone appenniniche a 300-400 metri, fenomeni che potranno estendersi alle zone di collina a centro-sud tra cui la Valdichiana, la Val Tiberina, il Casentino, le Colline Metallifere, il Chianti e l’Amiata.