Non solo il vaccino come arma nella guerra epidemiologica contro il Covid: scienziati inglesi lavorano a un farmaco che blocca il virus

Coronavirus, Gran Bretagna: allo studio farmaco che blocca il virus

Scienziati britannici, secondo quanto riferisce il “The Guardian” stanno sperimentando un nuovo farmaco che potrebbe impedire a chi è stato esposto al virus di sviluppare la malattia. Tale terapia con anticorpi conferirebbe un‘immunità immediata e potrebbe essere somministrata come trattamento d’emergenza a pazienti ospedalizzati o a categorie a rischio. Il team della University College London Hospital (Uclh), in sinergia con la casa farmaceutica AstraZeneca, lavora a un cocktail di anticorpi che rende immuni dal Covid per un un periodo compreso tra 6 e 12 mesi. Escludono la variante inglese “le analisi dello “Spallanzani” di Roma per l’italiano positivo rientrato domenica scorsa a Roma dal Regno Unito. Tuttavia, sono in corso altre sequenze e isolamenti di campioni arrivati in laboratorio anche da altre Regioni”.

LEGGI ANCHE –> Vaccino Pfizer: come funziona e come agisce sul nostro corpo

Covid, Gran Bretagna: allo studio farmaco che blocca il virus. Ancora in aumento i nuovi positivi in Italia

Sono 19.037 i nuovi casi di Covid nel nostro Paese nelle ultime 24 ore, circa mille in più dell’altro ieri, che aggiornano il totale a 2.028.354. L’incremento delle vittime, secondo i dati contenuti nel bollettino del Ministero della Salute, è invece di 459 per un totale di 71.359. In calo i tamponi processati: 152.334, circa 41 mila in meno. Mentre il tasso di positività sale al 12,49%, oltre tre punti più del giorno precedente. Sono 2.584 le persone ricoverate in terapia intensiva, -5 nelle ultime 24 ore. I ricoveri ordinari sono 23.402, -668.

LEGGI ANCHE –> Conte su medici che rifiutano vaccino: “Pronti a soluzioni alternative”

Dal bilancio sanitario a quello economico: gli italiani, secondo le stime della Coldiretti, hanno speso circa 1,8 miliardi di euro per i cibi e le bevande consumati tra la cena della Vigilia e il pranzo di Natale, con un calo del 31% rispetto allo scorso anno a causa delle restrizioni imposte dalle misure anti-Covid e della crisi economica legata all’epidemia. Sono in media 4 le persone che si sono sedute insieme a tavola per le feste, più che dimezzate rispetto allo scorso anno quando si contavano mediamente 9 commensali.