Aumentano i timori in vista della riapertura delle scuole: secondo l’OMS, la variante britannica del Covid-19 è più trasmissibile dai bambini e dai giovani

OMS: variante britannica del Covid più trasmissibile dai bambini e dai giovani

La variante di Covid-19 isolata in Gran Bretagna “sembra essere più facilmente trasmissibile da giovani e bambini. Su questo però sono in corso ulteriori ricerche. Lo ha dichiarato l’inviato speciale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità David Nabarro. Questo aumenta i timori per la riapertura delle scuole a gennaio. “Se la variante si sta davvero replicando e crescendo meglio nei bimbi può avere un effetto a catena sulla diffusione del virus nell‘intera popolazione britannica“, ha sottolineato il virologo Harris dell’Università di Leeds. Intanto, sempre in Gran Bretagna è stata individuata un’altra variante del Coronavirus: sono stati rintracciati due casi, entrambi provenienti dal Sudafrica. Lo ha reso noto il Ministro della Salute britannico, Matt Hancock. “Questo virus è ancora più trasmettibile e sembra essere mutato rispetto al nuovo virus. Si tratta di uno sviluppo molto preoccupante“. Il Ministro ha spiegato che la nuova variante risulta avere una maggiore capacità di trasmissione e avrebbe già subìto mutazioni. Disposte restrizioni sugli arrivi dal Sudafrica.

LEGGI ANCHE –> Variante Covid, Gran Bretagna: rientrano in Italia solo i residenti

Variante Covid, OMS: più trasmissibile dai bambini e dai giovani. Ecco chi può rientrare dalla Gran Bretagna

Potrà rientrare in Italia, arrivando dalla Gran Bretagna e dall’Irlanda del Nord, chi ha la residenza nel nostro paese ovvero per comprovato motivo di assoluta necessità: lo stabilisce l’ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza, redatta di concerto col Ministro degli Esteri Luigi Di Maio e la Ministra ai Trasporti Paola De Micheli. Previsto l’obbligo di certificazione di negatività al Covid con test effettuato nelle 72 ore antecedenti l’ingresso nel territorio nazionale e un test obbligatorio 48 ore dall’arrivo in Italia, con obbligo di quarantena di 14 giorni.

LEGGI ANCHE –> Covid, Ricciardi: “Aumento dei casi nelle prossime settimane”

Intanto cresce ancora il numero dei nuovi casi di positività al Covid. Nelle ultime 24 sono 14.522 contro i 13.318 precedenti. 175.364 i tamponi processati a fronte dei 166.205 del precedente monitoraggio. I morti sono stati 533 (628 il giorno precedente) e aggiornano il bilancio a 70.395 dall’inizio dell’epidemia. In lieve rialzo il tasso di positività, dall’ 8,1% all’8,3%. 402 in meno i ricoverati in ospedale che, in totale, sono 24.546. –63 i ricoverati in terapia intensiva che nel complesso sono 2.624. In Veneto 3.357 casi, in Lombardia 2.153 e in Emilia Romagna 1.129.