Manette ai polsi di un 56enne. L’uomo, incensurato, avrebbe abusato sessualmente di di tre minorenni: due sorelle e la loro cugina

Terni arrestato un 56enne per violenza sessuale su tre minorenni

Spesso l’orco che ruba l’innocenza e la spensieratezza alle bambine violate ha il volto “rassicurante” di “uno di famiglia“: a un 56enne, originario di Roma, incensurato, è stata notificata un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Terni, al culmine di indagini su presunti abusi sessuali perpetrati nei confronti di due sorelle e di una loro cugina. Violenze che sono proseguite per anni proprio perché l’orco era considerato “uno di famiglia“. L’indagine, come comunicato con una nota dalla Questura di Terni, è stata aperta dopo la segnalazione di una psicologa che segue una delle tre giovani, ancora minorenne: quest’ultima si è confidata con la dottoressa rivelandole di aver subito abusi sessuali da parte di un parente acquisito fin dalla tenera età di cinque anni.

LEGGI ANCHE –> Monza, molestava ragazzine in strada: arrestato un 66enne

Terni, violenza sessuale su tre minorenni: arrestato un 56enne. Gli abusi nell’abitazione dell’uomo

Le presunte violenze, secondo quanto emerso dalle indagini svolte dalla Squadra Mobile della Questura di Terni, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, si sarebbero consumate soprattutto nell’abitazione dell’uomo dove la ragazza era spesso ospitata proprio in ragione di quel legame di parentela con la famiglia. Anche la sorella, oggi maggiorenne, ha confessato di essere stata vittima di violenze sessuali da parte dell’uomo da quando aveva 8 anni; abusi che avevano come location sempre l’abitazione del 56enne dove le bambine erano attirate con la promessa di regali, caramelle e giocattoli. La loro cugina, anche lei ancora minorenne, ha riferito di molestie subite la scorsa estate.

LEGGI ANCHE –> Pedopornografia online, identificati oltre 140 gruppi: arresti in tutta Italia

I genitori delle ragazze, sentiti dagli inquirenti, hanno dichiarato di non aver mai nutrito sospetti sul conto del 56enne proprio in quanto parente acquisito.