Arriva il bonus smartphone, che consente a una sola persona per nucleo familiare di avere un cellulare con abbonamento a internet per un anno: a chi spetta

Bonus smartphone cellulare abbonamento internet requisiti
(foto dal web)

Coloro che vivono in famiglia che hanno un reddito Isee al di sotto di 20mila grazie al cosiddetto “kit digitalizzazione” potranno beneficiare di un cellulare “in comodato d’uso” con connessione ad internet per un anno. Infatti questo smartphone avrà un abbonamento a due “organi di stampa” e l’app Io. Soltanto una persona per nucleo familiare potrà accedere al bonus smartphone.

Ciò è previsto dalla manovra. Per riuscire a ottenere al kit servirà avere la Spid. 20 milioni di euro finanzieranno questo beneficio per il 2021. Coloro che hanno un Isee inferiore a 20mila euro per effettuare la richiesta del cellulare dovranno precedentemente aderire al Sistema pubblico d’identità digitale (Spid).

LEGGI ANCHE —> Al via il bonus cashback: il sito e la app sono già in tilt

LEGGI ANCHE —> Decreto Ristori Quater, a chi spettano i bonus da 1.000 e 800 euro

Bonus smartphone, cosa serve e come funziona

Bonus smartphone cellulare abbonamento internet requisiti
(foto dal web)

Il kit, viene sottolineato, “è destinato ai nuclei familiari con un reddito Isee non superiore a 20mila euro annui che non sono titolari di un contratto di connessione internet e di un contratto di telefonia mobile e che si dotino dello Spid per il tramite di Poste italiane o di altri identity provider abilitati“. Lo smartphone sarà assegnato in comodato gratuito per un anno con abbonamento alla connessione internet incluso. Nel pacchetto è previsto anche l’abbonamento a due quotidiani.

All’interno del cellulare si troverà anche l’app Io, tramite cui si può accedere al cashback e non solo, come bonus vacanze e lotteria degli scontrini. Ogni nucleo familiare che rispetterà i suddetti requisiti potrà avere un solo dispositivo. Ciononostante alcuni di questi potrebbero rimanere esclusi in quanto la cifra massima prevista non potrà andare oltre i 20 milioni di euro. Ciò sta a significare che vi sarà la distribuzione di 200mila cellulari circa nel momento in cui i potenziali beneficiari sarà intorno a due milioni di famiglie.