E’ una donna il primo positivo italiano infettata dalla variante britannica del Covid. Quest’ultima e il convivente, ritornato giorni fa dal Regno Unito dove si trovava per lavoro sono in isolamento

E' donna il primo paziente italiano contagiato dalla variante britannica del Covid
E’ donna il primo paziente italiano contagiato dalla variante britannica del Covid-19

E’ una donna italiana il paziente in cui è stato riscontrato per la prima volta anche in Italia il genoma del Sars-Cov-2 con la variante britannica: lo ha “sequenziato” il Dipartimento scientifico del Policlinico militare del Celio che in emergenza collabora con l’Istituto Superiore di Sanità. La paziente è in isolamento assieme al suo convivente, risultato anche lui positivo. L’uomo è rientrato giorni fa dal Regno Unito dove si trovava per lavoro. “Il paziente e il convivente, rientrato dal Regno Unito con un volo atterrato all’aeroporto di Fiumicino, sono in isolamento e seguono, con altri familiari e contatti stretti, le procedure stabilite”, recita un comunicato diramato dal Ministero della Salute. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato alla BBC che la nuova variante di Covid-19 scoperta in Gran Bretagna è stata isolata anche in Danimarca e Australia oltre che in Olanda. Intanto, la Farnesina ha comunicato alla Gran Bretagna lo stop dei voli per la nuova variante del Covid che si sta diffondendo velocemente nel Regno Unito. “La nostra priorità è tutelare l’Italia e i nostri connazionali”, ha commentato il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Analoga decisione è stata assunta dai Paesi Bassi e dal Belgio mentre in Germania e in Francia  stop a voli e treni.

LEGGI ANCHE –> Covid, l’idea di San Marino: “Chi rifiuta vaccino e si ammala paghi le cure”

Variante Covid, è una donna il primo positivo italiano. Gli esperti: non ci sono prove che uccida di più

L’ordinanza di blocco dei voli verso e dalla Gran Bretagna, firmata dal Ministro della Salute Roberto Speranza, è in vigore da ieri, 20/12, fino al 6 gennaio 2021. Le persone che ora si trovano in Italia e che hanno soggiornato nei 14 giorni giorni antecedenti a ieri o nell’arco dello stesso periodo hanno transitato per il Regno Unito e per l’Irlanda del nord, anche se asintomatiche, sono obbligate a comunicare l’avvenuto ingresso nel territorio nazionale al Dipartimento Prevenzione dell’Asl competente per territorio e a sottoporsi a test tampone molecolare o antigenico. Intanto per il Ministro della Salute britannico, Matt Hancock, la nuova variante del Covid-19 isolata in Gran Bretagna “è fuori controllo“. Lo ha dichiarato nel corso di un’intervista a Sky News durante la quale ha anche lanciato un appello ai propri connazionali al rispetto delle nuove restrizioni oltre a bollare come irresponsabili le migliaia di londinesi messisi in fila in strada e in treno in un maxi esodo per evitare il lockdown scattato ieri. “Il migliore regalo che potete fare a Natale è rimanere a casa e non diffondere il virus”. Tuttavia, al momento non c’è alcuna evidenza che la variante Covid individuata in Gran Bretagna sia meno sensibile al vaccino in arrivo riducendone l’efficacia.

LEGGI ANCHE –> Mutazione Covid, OMS: “In stretto contatto con il Regno Unito”

Ha una maggiore velocità di trasmissione ma non ci sono prove che faccia maggiori danni e uccida di più: lo ha assicurato il virologo Carlo Federico Perno, Direttore del Reparto di Microbiologia dell’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” di Roma, che è in stretto contatto con il virologo, Gupta, della University College di Londra che per primo ha isolato la mutazione britannica del Covid-19.