Orrore senza fine a Firenze: dopo le due valigie con dentro i resti di un uomo, rinvenuta una terza con dentro i resti di una donna

Firenze, orrore senza fine, spunta una terza valigia: dentro i resti di una donna
Il luogo del ritrovamento delle tre valigie

Non è la scena di un film horror anche se sembra partorita dalla fervida mente creativa di Dario Argento. Il mistero delle valigie si infittisce e i relativi macabri dettagli che progressivamente stanno emergendo lo rendono degno di un racconto di Edgar Allan Poe: dopo la scoperta di due valigie con dentro resti umani saponificati di un uomo ucciso con una coltellata alla gola, alcuni giorni fa, in un terreno sotto la superstrada Firenze-Pisa-Livorno che confina con il carcere di Sollicciano, a Firenze, ora ne è spuntata una terza. Secondo il medico legale che l’ha ispezionata, i resti umani, ivi rinvenuti, sarebbero di una donna.

LEGGI ANCHE –> Velletri, fuga di gas: morti madre e figlio di 6 anni

Firenze, spunta una terza valigia: dentro i resti di una donna. Si cerca una quarta valigia

Le ricerche nell’area in cui sono state trovate le valigie proseguono con i cani dell’unità cinofila specializzata nella ricerca dei cadaveri del Nucleo Carabinieri Cinofili di Bologna: si cerca una quarta valigia che potrebbe contenere ciò che manca nei resti del secondo cadavere. Atteso l’esito dell’esame del Dna: l’ipotesi è che si tratti di un uomo tra i 40 e i 60 anni, bianco.

LEGGI  ANCHE –> Striscia la Notizia: condannato Mingo per truffa, falso e diffamazione

Ampio al momento anche l’arco temporale a cui far risalire il decesso: da sei mesi a due anni indietro rispetto al ritrovamento dei resti. Le tre valigie sono finite in quel campo dopo essere state gettate, una dopo l’altra, dalla superstrada che vi passa sopra. Intanto, secondo gli investigatori, le due morti dovrebbero collocarsi in uno stesso contesto delittuoso.