Da lunedì prossimo, 4 Regioni entreranno in zona gialla: firmata dal Ministro della Salute Roberto Speranza la relativa ordinanza

Covid, dal 13 dicembre 4 Regioni in zona gialla
Il Ministro della Salute Roberto Speranza

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato, sulla base dei dati della “Cabina di Regia”, una nuova ordinanza, in vigore da lunedì prossimo, 13 dicembre, con cui si dispone l’area “gialla” per la Basilicata, la Calabria, la Lombardia e  il Piemonte. Sulla base del relativo quadro epidemiologico l’Abruzzo resta in zona “rossa” fino all’entrata in vigore dell’ordinanza di Speranza che, come detto, avrà effetto dal 13 dicembre. Il Tar regionale ha, infatti, sospeso l’ordinanza del Governatore Marco Marsilio, giudicata illegittima, che anticipava al 7 dicembre l’entrata della Regione abruzzese nell’area “arancione”. “La pervicace azione del governo produce come risultato l’insensato e schizofrenico ritorno in zona rossa per un giorno di una Regione che da 2 settimane mostra valori stabilmente arancioni”: il commento polemico di Marco Marsilio, Presidente dell’Abruzzo. “Dopo che il Tar ha negato per 2 giorni l’esistenza di un “pericolo” così grave da giustificare un provvedimento d’urgenza, il governo ha provocato il cambio di colore 3 volte in 3 giorni, incuranti delle conseguenze nella vita delle persone, pur di esibire lo scalpo del reprobo Abruzzo”, ha chiosato Marsilio.

LEGGI ANCHE –> Covid, Fondazione “Gimbe”: “Rischio tempesta perfetta, attenzione alla terza ondata”

Covid, Speranza: “Quattro Regioni in zona gialla da lunedì prossimo”. Ancora in aumento il numero dei nuovi contagiati nel nostro Paese

Sono 18.727 i positivi al Coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati dell’ultimo bilancio del Ministero della Salute, ma i tamponi processati sono 190.416, quasi 20 mila in più rispetto al giorno precedente. Sostanzialmente stabile il tasso di positività, sceso a 9,8% da 9,9%. Ancora tanti i decessi, anche se il numero è in calo:761 le vittime contro le 887 dell’altro ieri. I pazienti in terapia intensiva sono 3.265, -26. In calo anche i ricoveri nei reparti ordinari, -526. Tra le Regioni si registrano 3.883 nuovi casi in Veneto, 2.938 in Lombardia e 1.813 in Puglia.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, in arrivo i cani anti-COVID che fiutano i positivi

Ieri gli Stati Uniti hanno fatto registrare un nuovo record di contagiati dal Covid-19, oltre 235 mila. Almeno 2.600 i morti nelle ultime 24 ore. I dati sono quelli della Johns Hopkins University. Dall’inizio dell’epidemia negli Stati Uniti complessivamente sono 16.278.000 i casi registrati e 296 mila i decessi. Ieri la Food and Drug Administration ha dato il via libera alla distribuzione immediata di milioni di dosi di vaccino della Pfizer-BioNTech negli Stati Uniti. Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha preannunciato che le vaccinazioni contro il Covid-19 inizieranno nel Paese “tra meno di 24 ore“. “Abbiamo iniziato a inviare il vaccino a tutti gli stati”, ha detto Trump su Twitter. “La pandemia potrebbe essere iniziata in Cina, ma le stiamo ponendo fine proprio qui negli Stati Uniti”, ha aggiunto, attribuendo al suo Paese il “miracolo medico” di aver sviluppato “un vaccino sicuro e efficace in meno di 9 mesi“. Tuttavia negli Stati Uniti i morti per Covid-19 potrebbero arrivare a 362 mila entro il 2 gennaio 2021: lo prevedono i Centri federali per il Controllo delle malattie. La media settimanale dei decessi è stimata tra 12.600 e 23.400. Al livello globale i contagi sono saliti a 70 milioni 538 mila.