Warren Berlinger, attore, è morto all’età di 83 anni al Henry Mayo Newhall Hospital di Valencia: recitò come Sergente Betchler in Happy Days

Warren Berlinger morto attore Happy Days
(foto dal web)

L’attore hollywoodiano, Warren Berlinger, noto per i suoi ruoli in Happy Days, La corsa più pazza d’America, Il lungo addio ed Eroe per caso, è morto all’età di 83 anni al Henry Mayo Newhall Hospital di Valencia, in California.

Ha annunciato la sua scomparsa la figlia, Elizabeth Berlinger, a The Hollywood Reporter, aggiungendo. “Il suo ruolo preferito sul palco era J. Pierrepont nel musical How to Succeed in Business Without Really Trying, ma non conosco nessuno che abbia avuto successo nella vita più di mio padre. Tutti quelli che lo hanno incontrato lo adoravano, tutti”.

Il decesso è avvenuto lo scorso mercoledì 2 dicembre. È apparso in Happy Days come ospite vestendo alcuni ruoli. Uno di questi è stato quello del Sergente Betchler, sergente reclutatore che si scontra con Fonzie nell’episodio numero 20 della quarta stagione The Physical.

LEGGI ANCHE —> Al Bano Carrisi lancia un disperato appello: “Non fatelo vi prego!”

LEGGI ANCHE —> L’Eredità, il gesto di Massimo Cannoletta non va giù al web: La polemica

Warren Berlinger, morto a 83 anni l’attore che recitò come Sergente Betchler in Happy Days

Warren Berlinger morto attore Happy Days
(foto dal web)

L’uomo si è fatto strada da giovanissimo sul palco di Broadway, dove conobbe e recitò con quella che poi divenne la sua dolce metà, vale a dire Betty Lou Keim, grande amore della sua vita. Berlinger cominciò a recitare al cinema nel film Gioventù ribelle nel 1956. Nel 1959 recitò nel film Innamorati in blue jeans. Intanto vestì ruoli non di primo piano in alcuni telefilm.

Berlinguer recitò invece in alcuni ruoli di maggiore spicco nelle pellicole Tutti pazzi in coperta, nel 1961, Billie, nel 1965, con Patty Duke e Voglio sposarle tutte, nel 1966, con Elvis Presley. Al cinema ebbe grande successo con le sue interpretazioni in Il lungo addio, nel 1973, di Robert Altman e in Il mondo secondo Garp, nel 1982, di George Roy Hill.