Sensibile aumento del numero dei nuovi positivi al Covid, 2516, e di quello dei morti, 993, il più alto dell’inizio dell’epidemia, nelle ultime 24 ore

Coronavirus, 993 morti nelle ultime 24 ore, il dato più alto dall'inizio dell'emergenza
Coronavirus, 993 morti nelle ultime 24 ore, il dato più alto dall’inizio dell’emergenza

Impennata della curva dei casi di contagio al Coronavirus: nelle ultime 24 ore sono 23.225 i nuovi casi (+2516) e 993 i morti, mai così tanti dall’inizio dell’epidemia, con il precedente picco, 919, registrato il 27 marzo. I tamponi processati sono stati 226.729: è il quadro epidemiologico che emerge dall’ultimo bollettino diramato dal Ministero della Salute. I guariti sono 23.474 in più, i ricoverati in terapia intensiva sono -19, i ricoveri ordinari -682. Le Regioni con l’incremento maggiore di casi sono la Lombardia, 3.751, il Veneto, 3.581, la Campania. 2.295 e il Piemonte con 2.230. “Domani (oggi, ndr) avremo Rt a 0.91”. Lo ha preannunciato il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ieri sera su La7. “Il dato dei decessi, oggi il più alto con 993, sarà l’ultimo a mutare”, ha aggiunto, “oggi vediamo segnali incoraggianti che dipendono dalle misure che abbiamo messo in campo ma non dobbiamo mollare”. Anche perché “i morti di oggi ci dicono che siamo ancora nel pieno di un’epidemia che non dobbiamo assolutamente considerare sconfitta. Siamo pienamente dentro la crisi e guai ad abbassare la guardia”, ha ammonito il Ministro.

LEGGI ANCHE –> Covid, virologo tedesco: “Nel 95% dei casi arriva dal Nord Italia”

Covid, ieri 993 morti, mai così tanti dall’inizio dell’epidemia. Locatelli: “Tutti vaccinati entro l’estate”

“Il 29 dicembre e 12 gennaio l’Ema si pronuncerà sulla documentazione fornita da Pfizer e Moderna sui vaccini. Questo dovrebbe consentire di avere 3,4 milioni di dosi per 1,7 milioni di persone. Nella seconda metà di gennaio è previsto l’inizio delle vaccinazioni, poi la disponibilità aumenterà e, entro fine estate o inizio autunno, avremo completato la più grande campagna di vaccinazione di massa mai avuta nel Paese”. Così Franco Locatelli, Presidente del Consiglio Superiore di Sanità nonché membro del Comitato Tecnico-scientifico, intervenuto a Rai 3. Gli ha fatto eco Domenico Arcuri, Commissario per l’emergenza Covid, durante l’informativa in Commissione parlamentare: “A cavallo dell’estate potremo vaccinare l’intera popolazione, l’Italia ha diritto al 13,46% delle dosi che saranno distribuite dall’Europa: finora sono state ordinate 202.573.000 dosi, sufficienti per  101 milioni di persone. I vaccini saranno tracciati dall’arrivo alla somministrazione”.

LEGGI ANCHE –> Covid, Ue: non cancellare il Natale ma che sia sicuro

Ha poi messo in guardia: “Il Pfizer sarà distribuito direttamente dall’azienda produttrice e con una gara pubblica saranno selezionati gli operatori che vaccineranno contro il Covid. Oggi c’è stato il numero massimo di vittime dall’inizio dell’emergenza e risulta che un nostro concittadino ogni 36 sia stato contagiato. La curva si sta congelando, il virus è ancora forte ma siamo in grado di contenerlo. Alleggerire adesso le misure di contenimento significherebbe rischiare una terza ondata, sarebbe complicato realizzare la più grande vaccinazione nel pieno terza ondata. Entro l’estate gli italiani saranno tutti vaccinati“.