Elliot Page era Ellen Page, l’attrice protagonista di Juno che ha rivelato di essere transgender

2 dic curiosauro elliot page

Elliot Page era Ellen Page. L’abbiamo vista una delle prime volte nel film Juno, del 2008. La storia di una teenager incinta che decide di dare il neonato in adozione, ma poi le cose si complicano dopo che la scelta cade su una coppia benestante. Il film è stato accolto molto bene dalla critica, così come la interpretazione di Page, che faceva la parte di Juno, la ragazza incinta. Un altro ruolo importante è quello come la protagonista Vanya nella super seguita serie Netflix, The Umbrella Academy. Si tratta di una serie televisiva statunitense ideata da Steve Blackman e distribuita dalla piattaforma online, e basata sulla prima miniserie dell’omonimo fumetto di Gerard Way e Gabriel Bá. La prima stagione è andata in onda il 15 febbraio 2019.

LEGGI ANCHE –> GF Vip: Enock Barwuah eliminato, il dispiacere dei concorrenti dura poco

Ora Ellen Page ha preso una decisione importante per la sua vita, frutto di un lungo processo di riflessioni e cambiamenti. L’attrice ha raccontato su un lungo post su Instagram, di essere transgender. E ha chiesto di essere chiamata con il nome che sente di rappresentarla: Elliot Page. Elliot vuole anche che ci si esprima nei suoi confronti usando attributi maschili: “Ciao Amici, voglio condividere con voi che sono trans, i miei pronomi sono lui/loro e il mio nome è Elliot” ha scritto l’attore sul noto social network, raccontando tutto il suo percorso. “Sento una travolgente gratitudine per le incredibili persone che mi hanno supportato in questo viaggio”, comincia così il suo post, pieno di emozioni e gratitudine. “Non posso iniziare ad esprimere quanto sia grandioso sentire di amare finalmente chi sono abbastanza per perseguire il mio autentico io. Sono stato infinitamente ispirato da tanti nella comunità trans. Grazie per il vostro coraggio, per la vostra generosità e per aver lavorato incessantemente per rendere questo mondo un luogo più inclusivo e compassionevole. Offrirò tutto il sostegno possibile e continuerò a lottare per una società più egualitaria.

Complimenti a Elliot per il suo coraggio, e buona fortuna in questa nuova vita!