Finale amaro per l’incredibile avventura di un 48enne di Como: multa di 400 euro per aver camminato 450 km, violando così il coprifuoco, per sbollire la rabbia dopo un litigio con la moglie

Litiga con la moglie e percorre 450 km a piedi
(Getty Images)

Non è l’ennesimo pretesto per concedersi un’ora d’aria evadendo dagli “arresti domiciliari” cui siamo confinati per limitare a quelli motivati da comprovate necessità gli spostamenti al fine di arginare la diffusione del Covid-19; non è dunque neanche una variante della passeggiata con il cane per fargli espletare le sue funzioni fisiologiche che ha spopolato durante il lockdown della primavera scorsa tanto da divenire oggetto di meme e parodia nei social network. Un uomo di 48 anni per sbollire la rabbia dopo un litigio con la moglie ha incominciato a camminare e quasi inconsapevolmente, al ritmo di 65 kilometri al giorno, coperti in 2 ore e mezza, ne ha percorsi 450, quelli che separano Como, dove risiede, da Fano dove è stato ritrovato, infreddolito e stanco ma in buona salute, dai carabinieri del locale comando.

LEGGI ANCHE –> Maradona, il suo cuore pesava il doppio

Cammina 450 km per smaltire la rabbia dopo un litigio con la moglie. Multato di 400 euro

Dopo la denuncia della moglie, in ansia in quanto il consorte dopo un diverbio era uscito di casa a piedi senza farvi più ritorno, l’uomo, come detto, è stato intercettato a Fano dai carabinieri ai quali ha confermato la versione dei fatti della moglie: “Sono venuto a piedi fin qui. Non ho usato nessun mezzo. In questi giorni ho mangiato e bevuto perché la gente che ho incontrato lungo il cammino mi ha offerto acqua e cibo. Sto bene. Sono solo un po’ stanco”. Tuttavia, non è tutto è bene quello che finisce bene, almeno per il 48enne emulo di Forrest Gump: è stato sanzionato con un’ammenda pecuniaria di 400 euro per aver violato il coprifuoco dalle 22 alle 5.

LEGGI ANCHE –> Nuovo DPCM, ipotesi chiusure a Capodanno alle 18