Governo al lavoro sul Dpcm dicembre che riguarderà anche le festività di Natale: si va verso queste misure sugli spostamenti tra Regioni

Dpcm dicembre spostamenti Regioni misure Natale
Giuseppe Conte (Getty Images)

Ci si potrà spostare fuori dalla propria Regione per trascorere le festività natalizia solo prima dell’entrata in vigore del nuovo Dpcm dicembre. Infatti successivamente, dalla settimana prima del Natale al 6 gennaio, non ci si potrà più spostare tra le Regioni, anche se in fascia gialla. Questa decisione, ha spiegato il ministro Francesco Boccia nel corso dell’ultima riunione con i presidenti di Regione, è dovuta in quanto “si deve impedire di ripetere quanto accaduto la scorsa estate”.

La firma del nuovo Dpcm da parte del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, dovrà arrivare entro la mezzanotte del 3 dicembre. All’interno di esso ci saranno le disposizioni valide anche per le festività, quindi anche il divieto di spostamento, in vigore dal 19 o 20 dicembre al 6 gennaio.

LEGGI ANCHE —> Nuovo DPCM: quali spostamenti saranno consentiti a Natale?

LEGGI ANCHE —> Covid, Locatelli: “Due vaccini come regalo di Natale”

Dpcm dicembre, Governo valuta deroghe al blocco totale tra le Regioni

Dpcm dicembre spostamenti Regioni misure Natale
Giuseppe Conte (Getty Images)

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, non nasconderebbe negli incontri riservati. “Quei quindici giorni mi spaventano parecchio”. Il timore è che alla frenata attuale nei contagi da Covid segua una terza ondata successiva alle festività di Natale. Nella giornata di mercoledì Speranza presenterà il contenuto in Parlamento. Dunque nei due giorni precedenti l’esecutivo dovrà una quadra definitiva. Il dubbio più duro da dipanare è relativo alle deroghe.

Il premier avrebbe intenzione di sciogliere un po’ le restrizioni per permettere ai cittadini di festeggiare, anche se in maniera più sobria rispetto agli anni scorsi. Tuttavia i ministri Francesco Boccia, Dario Franceschini e Speranza, così come gli esperti sostengono che si dovrebbe andare cauti con le eccezioni. Quindi esecutivo al lavoro sulle deroghe, magari per studenti e anziani soli, per trovare una sintesi tra sicurezza e libertà personali dei cittadini cercando di limitare i possibili rischi.