Perquisita la casa e la clinica del dottore Leopoldo Lunque, medico personale di Diego Armando Maradona indagato per omicidio colposo

Maradona

 

Sono appena passati 5 giorni dalla morte di Diego Armando Maradona, ma attorno alla sua scomparsa ogni giorno pare ci siano tanti misteri. Il grande campione è morto per un arresto cardiaco, ma nelle ultime ore è finito sotto processo il suo medico personale. L’accusa è quella di omicidio colposo ma sotto torchio sono finiti anche tutti coloro che gli sono stati vicini negli ultimi giorni. Ci sarebbero molte incongruenze su questa drammatica vicenda e sopratutto testimonianze poco convincenti. Per tale motivo, il giudice di San Isidro ha ordinato di perquisire la casa di Leopoldo Lunque, colui che ha operato di persona il pibe de oro lo scorso 3 novembre

La discussione tra Leopoldo Luque e Maradona prima della morte

Diego Armando nelle ultime settimane prima del decesso pare non stesse bene. Infatti, proprio nel giorno del suo sessantesimo compleanno, un video testimonia il suo affaticamento sia fisico che mentale. Lo scorso tre novembre, Maradona è stato operato d’urgenza, per un ematoma celebrale. L’intervento era andato come previsto e sembrava si fosse ripreso, ma purtroppo non è stato così.

Il vero colpo di scena è arrivato nelle ultime ore. La famiglia del Pide ha incolpato Leopoldo Luque per la sua morte. Il motivo? Si è saputo che i due avevano avuto una discussione nei giorni precedenti al suo decesso, con persino un tentativo di colpirlo con un pugno.

Inoltre, qualcuno ha fatto notare che il dottore quando ha chiamato l’ambulanza non ha specificato il nome del paziente. Gli inquirenti, che stanno lavorando sul caso, per ora ancora non hanno confermato ne smentito tale versione, ma hanno raccolto molto materiale nella villa di Tigre.

Maradona

La perquisizione nella casa del medico specialista

Le perquisizioni all’interno della casa del dottore Leopoldo Luque sono state compiute da 60 poliziotti: 30 nella casa e 30 nella clinica. La struttura dello specialista dunque sembra essere la chiave del mistero che sta avvolgendo la morte di Maradona. Pure le figlie di Diego, Dalma, Gianinna e Jana, hanno indicato il dottore come il principale responsabile del crollo fisico del padre negli ultimi giorni prima della scomparsa. E insieme al suo medico personale, altre fonti sostengono che potrebbero rientrare nell’indagine anche il medico-psichiatra che prescriveva i farmaci al campione e una persona si trovava in casa al momento del decesso.