Due vaccini anti-Covid come strenna natalizia: lo ha assicurato Franco Locatelli, Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, ospite di Fabio Fazio a “Che tempo che fa”

Covid, Locatelli: "Due vaccini come strenna natalizia"
Fabio Fazio (a sinistra) e il Prof. Franco Locatelli

“Credo che la prossima settimana due vaccini che usano la metodologia dell’ Rna virale saranno sottoposti all’approvazione dell’Ema (Agenzia europea per i medicinali, ndr) e che potremmo avere i primi due sieri come regalo di Natale”. Così il Presidente del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli, ospite di Fabio Fazio a “Che Tempo che fa” su Rai 3. “Dal 15 gennaio – ha annunciato poi Locatelli- potranno partire le prime somministrazioni alle categorie più esposte”. I due vaccini candidati sarebbero quello della Pfizer e di Moderna, giunti allo stadio finale della sperimentazione clinica. Mentre dalle colonne del quotidiano “La Stampa” ha ammonito: “Per allentare le misure anti-Covid occorre scendere a 6-7 mila casi al giorno. Pertanto dobbiamo scordarci grandi tavolate a Natale e feste in piazza per Capodanno”. Il vaccino di AstraZeneca è sicuro, è “uno dei due basato sull’Rna messaggero: ha conferito nei modelli animali anche immunità sterilizzante. Sarà la campagna vaccinale più imponente della storia”. Infine l’auspicio sull’uscita dall’epidemia di Covid: “Voglio sperare a fine estate con numero tale di vaccinati che lo consente”.

LEGGI ANCHE –> Cibo e acqua potrebbero “compromettere” il vaccino contro il Covid-19

Covid, Locatelli: “Due vaccini come regalo di Natale”. 20.648 nuovi positivi e 541 decessi

Sono 20.648 i nuovi casi di Coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore a fronte, però, di 176.934 tamponi processati, oltre 45 mila in meno rispetto a sabato. Le vittime sono 541 rispetto alle 686 del giorno precedente. Il rapporto positivi-tamponi resta invariato a 11,7%. In calo le terapie intensive, -9 , 3.753 in tutto. I guariti sono 13.642, per un totale di 734.503. Dall’inizio dell’epidemia si registrano 1.585.17 mila casi di contagio e 54.904 mila decessi. Attualmente i positivi sono 795.771 mila. L’incremento maggiore in Lombardia, +3.203 casi. Mentre il numero complessivo delle persone decedute nel mondo a causa della pandemia di coronavirus è pari a più di 1 milione 459.243. I casi di contagio accertati dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono 62 milioni 736.160. Gli Stati Uniti restano il Paese più colpito al mondo dalla pandemia in termini assoluti, sia per i casi di contagio accertati, arrivati a 13 milioni 382.681, sia per numero di decessi: 266.847. Segue il Brasile dove sono stati registrati oltre 6,3 milioni di contagi e più di 172.000 vittime.

LEGGI ANCHE –> Carlotta Mantovan, la vedova Frizzi di nuovo felice: “Mi prendo i tuoi baci”