Tragedia in una scuola di Palermo dove una bambina, forse per un malore, cade a terra e muore. Il cordoglio della Ministra Azzolina: “Massima vicinanza alla famiglia”

Palermo, tragedia a scuola: una bambina cade e muore

Il governo è al lavoro per consentire il ritorno in classe degli studenti a dicembre e non dopo le festività natalizie, a gennaio 2021, come da più parti viene ventilato. Del resto tutti gli esperti del Comitato Tecnico Scientifico, nonché la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, sono concordi nel considerare la scuola il luogo più sicuro rispetto al rischio di venire contagiati dal Covid. Purtroppo, per gli studenti italiani il pericolo non è rappresentato solo dall’invisibile killer cinese: tragedia in una scuola di Palermo dove è morta una bimba di 10 anni. La piccola mentre era impegnata nelle lezione di Educazione fisica sarebbe caduta battendo violentemente la testa. La bambina sarebbe morta sul colpo, inutili, quindi, i tentativi degli operatori sanitari del 118 di rianimarla.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, in arrivo i cani anti-COVID che fiutano i positivi

Palermo, bambina di 10 anni cade a scuola e muore. Il cordoglio della Ministra Azzolina

Sul luogo della tragedia, oltre ai sanitari del 118 che purtroppo non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della piccola, sono prontamente accorsi i carabinieri per ricostruirne nei dettagli la dinamica mentre il Ministero ha avviato i propri accertamenti. Tuttavia, secondo quanto riportato dall’edizione online del quotidiano “Il Messaggero”, trapela l’indiscrezione secondo la quale il decesso sarebbe stato causato da un improvviso malore: un primo esame del corpo, infatti, non avrebbe riscontrato ferite al capo né in altre parti del corpo. La salma sarà restituita ai genitori che hanno ricevuto la terribile notizia mentre si trovavano al lavoro: entrambi sono impiegati in un negozio. Immediatamente la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha espresso “profondo cordoglio e la massima vicinanza alla famiglia“.

LEGGI ANCHE –> Commissione Europea: votato il “diritto di riparazione” per ridurre i rifiuti elettronici