In calo il dato relativo ai nuovi positivi, 22. 930 nelle ultime 24 ore, a fronte di 40 mila tamponi processati in meno rispetto alla precedente rilevazione, ma superata quota 50 mila decessi

Covid, 50 mila decessi in Italia dall'inizio dell'emergenza

Sono 22.930 i nuovi casi di  positività al coronavirus accertati nel nostro Paese nelle ultime 24 ore, circa 5.400 meno dell’altro ieri (28.337 nuovi positivi con 188.747 tamponi) che aggiornano il totale dei contagiati dall’inizio dell’emergenza a 1.431.795. Secondo i dati contenuti nel bollettino quotidiano del Ministero della Salute, sono stati processati 148.945 tamponi, circa 40 mila in meno del precedente monitoraggio. Dai dati emerge, inoltre, una sostanziale stabilizzazione del rapporto tra positivi individuati e tamponi effettuati: è al 15,3% mentre domenica era al 15%. Ma, per la prima volta dall’inizio della seconda ondata, calano gli attualmente positivi: secondo i dati ufficiali, sono 796.849, 9.098 in meno rispetto a domenica quando erano 805.947. Con 630 decessi, a 11 mesi dall’inizio dell’emergenza, l‘Italia ha superato la soglia delle 50 mila vittime per Covid, per la precisione 50.143. Per Walter Ricciardi, consulente del Ministero della Salute nonché Ordinario di Igiene preso presso l’Università Cattolica di Roma, “le misure stanno funzionando. Abbiamo invertito l’aumento, adesso dobbiamo aspettarci un appiattimento. Quando ci sarà la diminuzione, cominceremo a parlare di riaperture” anche perché “la terza ondata è ancora possibile e sarebbe insostenibile per i nostri ospedali: in un mesi si sono contagiati 27 mila tra medici e infermieri perciò è necessario limitare la mobilità”.

LEGGI ANCHE –> Covid, vaccino Oxford: efficace al 70% ma è più economico

Coronavirus, superata quota 50 mila decessi in Italia, oltre 1 milione 338 mila a livello globale

Il numero dei casi di contagio da coronavirus registrati nel mondo ha oltrepassato i 58 milioni 696.029. E’ quanto riporta l’ultimo bollettino della Johns Hopkins University. Le persone decedute dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono più di 1 milione 388.000. Gli Stati Uniti, con 12 milioni 247.486 casi e 256.783 decessi, restano il Paese più colpito al mondo dalla pandemia. Seguono per numero di morti Brasile (169.183), India (133.738), Messico (101.676), Regno Unito (55.120), Italia (50.143) e Francia. Il Premier britannico Boris Johnson ha presentato alla Camera dei Comuni il nuovo piano anti-Covid che entrerà in vigore dopo la scadenza dell’attuale lockdown. Dal 3 dicembre al 31 marzo sarà reintrodotta la distinzione delle aree del Paese in tre fasce in funzione del rischio contagio. Dal 3 dicembre riapriranno i negozi non essenziali e parrucchieri, nuovamente autorizzati sport all’aperto, cerimonie e riti religiosi. Le scuole rimarranno aperte. “Non può essere un Natale normale. C’è una lunga strada fino a primavera“, ha ammonito Johnson.

LEGGI ANCHE –> Covid, la Cina accusa l’Italia: “Il contagio è partito da lì”