Per Rocco Siffredi Andrea Iannone non è stato in grado di gestire la relazione con la showgirl argentina. L’attore spiega le sue ragioni

21 nov curiosauro sifreddi iannone

Un paio di mesi fa, Andrea Iannone ha rotto il silenzio su Belen Rodriguez, la bellissima showgirl argentina che gli ha fatto perdere la testa. Anche se la storia è vecchia, e si può dire, sepolta da qualche anno, sembra che qualcosa ancora ancora unisca gli ex fidanzati. O almeno unisca lui a lei. La confessione è stata fatta dal pilota sul suo profilo social, e ha fatto pensare che lui potesse voler provarci ancora, come se fosse ancora preso dalla Rodriguez. Che però nel frattempo ha ritrovato l’amore con il parrucchiere Antonio Spinalbese, mentre il pilota – dalla rottura con la influencer Giulia De Lellis – non sembra davvero essere legato a nessuno.

Ora anche il divo del porno Rocco Siffredi dice la sua sulla storia di Belen con Iannone. L’attore, nei giorni scorso, ha commentato la condanna del tribunale di Losanna nei confronti del pilota di MotoGP, che è stato escluso dalle gare per ben quattro anni. Un vero colpo per Iannone. Intervistato da Moreno Pisto in occasione del “MotoFestival”, Siffredi si è lasciato sfuggire quello che pensa, e cioè che Iannone non è stato in grado di gestire la relazione con Belen, che considera una donna estremamente complessa. E così, per Siffredi, Iannone si è “rovinato”, perché è stato l’unico che si è davvero innamorato di lei, che può mandare un uomo “al manicomio”. Soprattutto i ragazzi di oggi, che non hanno la “patente” per gestire le relazioni complesse.

Non ha voluto essere cattivo Siffredi, ci mancherebbe. Ma è stato di un maschilismo sconcertante: “In Italia tutti si vorrebbero chiavare Belen, ma nessuno ci si vuole innamorare”. L’unico che ci sarebbe “cascato” è il povero Iannone. E se invece, caro Siffredi, dicessimo, una volta tanto, che Belen si è voluta chiavare Corona, Iannone, e De Martino, e Spinalbese, e chi le pare e piace, e avendo avuto il potere – la bellezza, i soldi, e altri attributi che non sta a noi giudicare – per farlo, lo ha fatto. Ecco, forse le cose stanno anche così.